Colpo del Parma Clima che ingaggia il lanciatore della nazionale Claudio Scotti

Colpo del Parma Clima che ingaggia il lanciatore della nazionale Claudio Scotti
09/02/2024
COMUNICATO STAMPA

Il Parma Baseball ha raggiunto un accordo per la prossima stagione con il lanciatore Claudio Scotti, nato a Roma il 7 agosto 1998 e proveniente dall’UnipolSai Bologna.

Lanciatore destro, Scotti vanta esperienze negli Stati Uniti a livello di rookie league e singolo A con le organizzazioni dei Pittsburgh Pirates (2016-2017) e dei New York Mets (2022-2023). Per lui un record complessivo di due vittorie e due sconfitte con una media pgl complessiva pari a 5.01.

La sua carriera italiana è iniziata nelle file del Cali Roma e si è sviluppata, dopo una parentesi a Grosseto, con le formazioni del Città di Nettuno (2018) e della Fortitudo Bologna (2019-2023). Con la squadra felsinea ha conquistato tre titoli italiani (2019-2020-2023) ed una European Champions Cup (2019).

Importanti anche le esperienze maturate con le nazionali giovanili azzurre. Per lui un titolo europeo (2018) e una partecipazione ai campionati mondiali con l'Under 18 e l'esperienza dei campionati europei Under 23 giocati a Verona nel nel 2021.

L'esordio nella nazionale maggiore è avvenuto nel 2018 con la convocazione per l'Haarlem Week e per il Super Six. Al suo attivo anche la partecipazione al World Baseball Classic.

«Credo che quella di Parma sia la scelta migliore che potessi fare dopo la chiusura del rapporto con il Bologna – le prime parole di Claudio Scotti - Mi hanno parlato del progetto del Parma Clima e mi sono facilmente convinto, saremo una bella squadra formata da tanti giocatori italiani di buon calibro».

Scotti raggiungerà Parma la prossima settimana e si metterà subito a disposizione dello staff tecnico per la prosecuzione della preparazione.

«L'infortunio alla spalla dell'ultima stagione appartiene ormai al passato – spiega il pitcher azzurro - Sono pienamente guarito e ho già iniziato gli allenamenti. A Parma conosco praticamente tutti per aver condiviso le esperienze dell'Accademia e delle nazionali. Ci aspettano due mesi intensi di lavoro per arrivare pronti all'inizio della stagione».