Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

Il pitcher Christian Girotto trascina il Redipuglia in Serie A

Non è stata una stagione facile per le squadre di baseball della provincia di Treviso; nessuna delle due formazioni che hanno disputato la serie B (Castelfranco Veneto e Ponzano) e le due della serie C (Conegliano e Ponte di Piave) è riuscita ad aggiudicarsi un titolo o i playoff di categoria. 
 
Solamente il Ponzano è arrivato fino ai quarti della Coppa Italia fermato, però, proprio dai Rangers Redipuglia che alla fine si sono aggiudicati il titolo Nazionale.
 
Domenica 8 ottobre i Rangers hanno staccato il biglietto per la Serie A, grazie anche al complete game in gara 4 del pitcher trevigiano Christian Girotto.
 
Girotto, classe '71, ha realizzato una perfomance straordinaria fermando la blasonata formazione dello Junior Parma con una vittoria per 5 a 2. 
 
E' un risultato importante per i Rangers ma anche per “Giro” (questo è il suo nickname) che da alcuni anni divide i suoi impegni con la squadra Goriziana e anche con la Società dei Riverstones.
 
Christian ha coronato questo risultato di alto livello con una grande prova che lo ripaga di una stagione piuttosto avara per dei problemi al braccio. Dopo aver realizzato lo scorso anno un campionato perfetto, con 9 vittorie e 0 sconfitte e una ERA di 1,30, non si dava pace per questa strana annata. Ma nella partita decisiva, per evitare di andare al 5° e definitivo match, ha realizzato il capolavoro della sua lunga e gloriosa carriera.
 
Giocatore schivo e sempre lontano dalle luci della ribalta, Girotto ha un background di alto livello. 
 
Nasce sportivamente nelle file del Ponte di Piave nei primi anni '80 grazie ai "mitici Giochi della Gioventù". Forgiato sotto le mani del Giaguaro, iniziano i primi successi insieme alla squadra Pre-Allievi targata Polyglass classificandosi al 2° posto nel 1984. 
 
Inizia la trafila nelle giovanili del Ponte e viene notato dai coaches delle Nazionali giovanili, che lo convocheranno per l'Europeo Juniores nel 1989. Insieme ad altri coetanei farà parte dell'ossatura della prima squadra di Ponte di Piave che in pochi anni, salirà dalla C/2 alla Serie A/2 conquistando la Coppa Italia C/1 nel 1993. 
 
Nei primi anni 2000 gioca nella squadra di Ponzano che sfiora la promozione in serie A/2. Ritornato a Ponte contribuirà per due anni consecutivi ai playoff per salire in A/2, fallendo il salto di categoria. L'anno successivo il salto lo farà invece con i Rangers Redipuglia e il suo duro lavoro in campo lo porterà a debuttare in IBL nel 2008 all'età di 37 anni. 
 
Nel secondo ritorno a Ponte, grazie alla sua esperienza e alla dedizione per questo sport, aiuterà la squadra a raggiungere la Serie A. 
 
Chiusa la parentesi Ponte, per due stagioni ritorna a Redipuglia. Dopo un anno sabbatico in cui per divertimento gioca nella squadra amatoriale dei Bandits, riscopre il ruolo di lanciatore che ricopriva da giovane. Questa seconda giovinezza lo porta a diventare uno dei migliori pitchers della serie B e negli ultimi due anni insieme ai Rangers conquista due promozioni in serie A/2 con altrettante Coppe Italia di Serie B. 
 
Tutti si chiedono se all'età di 46 anni, dopo questa straordinaria performance, chiuderà in bellezza la sua lunga attività agonistica o se, fisico permettendo, vorrà per l'ennesima volta mettersi alla prova nella Serie A.
 
A prescindere da cosa farà Christian Girotto rimane il fatto che con le sue prestazioni quest'anno ha salvato l'onore del movimento del baseball trevigiano e a lui vanno i complimenti di tutti gli appassionati di questo meraviglioso sport.