Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

Il Fossano Baseball realizza il progetto "un Home run per tutti" a sostegno della disabilità

UN HOME RUN PER TUTTI

Il percorso di formazione teorica e pratica per volontari e tecnici, indirizzato all'aumento delle competenze per una adeguata gestione e promozione dell'attività sportiva rivolta alle persone con disabilità finanziato dalla FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI CUNEO, si concretizzerà SABATO 10 DICEMBRE con la giornata dedicata ai ragazzi dell'Associazione Papa Giovanni XXIII° di Fossano.

 Grazie alla Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo, Sabato 10 dicembre dalle 15,00 alle 18,00 presso la palestra dei “Salesiani” a Fossano, i tecnici e i volontari del Baseball Club Fossano vedranno realizzato il progetto studiato da Alberto Aguzzi, Claudio Sandrone e Sabrina Olivero.

 Traendo spunto dalla “Miracle League” americana lo staff del Baseball Club Fossano ha studiato una formula per avvicinare il mondo del batti e corri alla disabilità.

Il baseball, anche se all'apparenza potrebbe non sembrare, è uno sport molto accessibile. Le persone con problemi di udito, problemi visivi, problemi fisici o di mobilità e quelli con difficoltà di apprendimento possono spesso partecipare all'attività senza grosse modifiche. Gli adattamenti delle regole sono raramente necessari e comunque sono facilmente realizzabili. La natura del baseball è insolitamente progressiva nel suo approccio all'inclusione, con un focus più centrato sulla partecipazione che sulle prestazioni.

Il progetto un “Home Run per Tutti” è nato con lo scopo di sensibilizzare la società civile in relazione al concetto di sport come strumento per favorire l’inclusione e superare il disagio e di favorire l'acquisizione di maggiore autonomia e la riduzione delle specifiche problematiche psico-fisiche delle persone con disabilità.