Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

Colabello torna in azzurro per puntare a un posto negli Indians

Chris Colabello, il quarto in battuta della Nazionale Italiana che è stato senz’altro all’altezza della sua posizione nel line up finendo il World Baseball Classic del 2013 con una media di .333, 7 punti battuti a casa e una media bombardieri di 1035,torna in azzurro più carico che mai. Con l’aspirazione di far parte del roster dei Cleveland all’Opening Day 2017, dopo aver firmato un contratto di Minor League e aver mostrato la potenza del suo giro di mazza allo Spring Training degli Indians, il trentatreenne Italo Americano è alla sua seconda apparizione nelle file degli Azzurri al Classic.

Colabello non è un'estraneo a sud del confine degli USA. Ha giocato per gli Algodoneros de Guasave nella Mexican Pacific League dopo la sua stagione 2012 con i New Britain affiliati ai Minnesota Twins in doppio A. Nel corso delle sue 57 partite in Messico, ha fatto faville al piatto battendo .332 con 13 doppi, 17 fuoricampo e 44 RBI. Chris spera di riguadagnare un po’ della sua forma magica sul terreno messicano ed aiutare l’Italia nel girone di ferro di Jalisco.

Il nativo del Massachusetts diventa un gigante quando è sotto pressione e si esalta quando ha l’opportunità di rappresentare le sue origini italiane giocando per la squadra azzurra. Infatti, la grande prestazione di Colabello nel Classic 2013 aveva catapultato gli Azzurri alla seconda fase della competizione a Miami. L’8 marzo 2013 al Chase Field di Phoenix contro la favorita compagine canadese, fu nominato ‘giocatore Chevrolet della partita’ dopo aver battuto 4 su 5 con un fuoricampo, 4 punti battuti a casa e 3 punti segnati, permettendo così all’Italia di agguantare un posto per avanzare alla fase 2 insieme agli Stati Uniti. Mentre al Marlins Park per poco l’Italia non mise a segno un ribaltone contro i campioni 2013 della Repubblica Domenicana, quando Colabello picchiò un fuoricampo da 3 facendo concorrenza alle diverse prodezze di Giancarlo Stanton nella partita.

L’ascesa di Colabello in Major League non è stata una scalata facile. Dopo aver militato per 7 stagioni nella Can-Am Independent League, firma come free agent per i Minnesota Twins il 2 Febbraio 2012. Chris rimane per il suo primo anno nel doppio A dei New Britain dove batte .248 con 18 fuoricampo e 98 punti battuti a casa.

20130312 wbc italia dominicana colabello (Ezio Ratti/FIBS)Chris fa notizia quando viene inserito nel roster dei Twins dell’Opening Day 2013 dopo aver battuto .294 con 3 RBI nelle nove partite di Spring Training per Minnesota. Invece, comincia la sua stagione in Triplo A a Rochester, dove viene premiato come giocatore dell’anno della Topps International League 2013, dopo aver trascinato i Red Wings battendo .352 con 119 valide, 25 doppi, 24 fuoricampo e 76 RBI. Fa poi il suo debutto in MLB con i Minnesota il 21 Agosto 2013. Gioca 59 partite per i Twins nel 2014 prima di essere ceduto a Toronto l’8 Dicembre 2017.

Nel 2015, giocando in Triplo A con i Buffalo, Colabello batte .337 con 5 fuoricampo e 18 RBI e in aprile e vince il premio come miglior giocatore dell’International League. La sua performance stellare gli vale una chiamata in MLB da Toronto il 5 Maggio 2015. L’esterno e prima base dei Blue Jays trascina l’attacco della squadra nelle 25 partite giocate a maggio. In 95 presenze al piatto, raggiunge una media di 368 con 4 fuoricampo, 7 doppi, 8 singoli e 14 RBI con 15 punti segnati. Alla fine della sua migliore stagione in MLB colleziona una media fu di 321, con 15 fuoricampo e 54 RBI in 101 partite. È determinante nell’avanzata dei Blue Jays verso la prima qualificazione ai playoff dal 1993. Come prima base partente in 10 delle 11 partite di post season nel 2015, Colabello dà il meglio sotto pressione: in gara 5 dell’American League Championship Series, Chris mette a segno un fuoricampo contro il partente dei Royals, Edinson Volquez, aiutando la squadra ad andare a gara 6 contro Kansas City. Nonostante il suo desiderio di replicare la sua performance nel 2016, Chris gioca solo in 10 partite per i Blue Jays, prima di essere sospeso per positività al controllo anti-doping e, scontate le 80 giornate di sospensione, ripartire in Triplo A con i Buffalo.

Determinato ora più di sempre a fare un ritorno sulla scena MLB, Colabello ha firmato un contratto di Minor League con i Cleveland Indians nel dicembre corso. Con in mano un invito allo Spring Training in Goodyear, Arizona, Chris è attualmente in lizza per uno posto nella 'tribu' di Terry Francona. Colabello ammira il manager italo americano da quando giocava nel college: era al secondo anno all’Assumption College nel Massachussets quando Francona guidò i Red Sox nel mettere fine a una sete di vittoria lunga 86 anni, aggiudicandosi le World Series nel 2004. Colabello allora era un grande fan della squadra e del suo manager e lo è ancor più adesso: “Sono sempre stato un fan di ‘Tito’. Ha fatto qualcosa che a Boston non si faceva da tantissimo tempo. Ti fa capire molto di lui come manager il fatto di aver portato due franchigie leggendarie alle World Series” afferma Chris “Adoro il suo modo di fare il suo lavoro. Adoro la sua passione per il gioco, ho sempre pensato che sarebbe stato fantastico giocare per lui un giorno.

Francona e Marco Mazzieri, manager dell’Italia, condividono per Colabello la stessa passione per il baseball. Chris guarda a entrambi come fonte di ispirazione per essere il miglior giocatore possibile: “Marco Mazzieri è il leader del gruppo. È fantastico giocare per lui perché ricordo che una volta ho sentito dire ‘il comportamento riflette la leadership’, ecco: questa è una testimonianza del suo modo di essere e della sua capacità di insegnare il gioco e guidarci…”

di Roberto Angotti