Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1
Da sinistra: il manager azzurro Marco Mazzieri con Roy Krasik e James Pearce della Major League Baseball (Baldhead-Oldman)

Il World Baseball Classic torna ai gironi all'italiana

Il quarto World Baseball Classic dell'Italia inizierà ufficialmente il 5 marzo 2017 a Phoenix in Arizona con il raduno della squadra e un paio di amichevoli (il 7 marzo con i Cubs, l'8 marzo con gli A'S, secondo il programma a oggi). L'esordio avverrà invece all'Estadio Charros de Jalisco di Guadalajara contro i padroni di casa del Messico alle 20 locali di giovedì 9 marzo (le 3 della notte tra giovedì 9 e venerdì 10 in Italia). L'Italia sarà squadra di casa di questa e della seconda partita, che vedrà gli azzurri opposti al Venezuela alle 14 locali (le 21 in Italia) di sabato 11 marzo. Nella terza partita del girone la nazionale se la vedrà con Portorico e sarà squadra ospite. La partita si giocherà alle 13.30 locali (le 20.30 in Italia) di domenica 12 marzo.

La riunione a cui sono state convocate le 16 Federazioni partecipanti al World Baseball Classic 2017 si è tenuta presso la sede della MLB (Major League Baseball) a Park Avenue, nel cuore di Manhattan (New York). James Pearce, responsabile degli eventi internazionali MLB, dopo aver dato il benvenuto a Colombia e Israele, che accedono per la prima volta al tabellone principale, ha annunciato la più importante novità: il format del torneo abbandona definitivamente la double elimination (nel 2013 utilizzata solo nella seconda fase) e per la prima e la seconda fase si affida al classico girone all'italiana. Inoltre, prende in considerazione l'ipotesi di uno spareggio per la qualificazione nei 2 casi di arrivo di 3 squadre con lo stesso record. Se 3 squadre chiuderanno con 2 vittorie e 1 sconfitta, si applicherà una formula per risolvere la parità (non è ancora chiaro quale) per far avanzare direttamente la prima e le altre 2 squadre a pari giocheranno lo spareggio. Nel caso di 3 squadre con un record di 1 vittoria e 2 sconfitte (e quindi una prima classificata a punteggio pieno), verrà eliminata subito quella che, applicando la formula, risulterà terza e giocheranno lo spareggio le altre 2.
Nel girone dell'Italia lo spareggio si giocherà eventualmente lunedì 13 marzo.

Se gli azzurri ripeteranno l'impresa del 2013 e supereranno il primo turno, saranno impegnati per la seconda fase (da martedì 14 a domenica 19 marzo, data dell'eventuale spareggio) a San Diego (California) con l'altra qualificata del girone di Guadalajara e le prime 2 fdel girone di Miami (dove si confrontano Canada, Colombia, Repubblica Dominicana e Stati Uniti). Il sorteggio ha stabilito che la prima classificata del girone dell'Italia giocherà sempre da squadra di casa, mentre la vincente del girone di Miami giocherà 2 partite su 3 come home team, la seconda del girone di Miami nè giocherà 1 su 3 e la seconda del girone di Guadalajara giocherà sempre come squadra ospite.

Le partite a eliminazione diretta per la medaglia d'oro si giocano a Los Angeles (California). Le semifinali sono in programma lunedì 20 e martedì 21 marzo (squadre di casa le prime classificate dei gironi della seconda fase) e la partita che assegna il trofeo e il titolo di Campione del Mondo è in programma mercoledì 22 marzo. La squadra di casa della finale sarà quella con la miglior percentuale di vittorie nell'intero torneo. In caso di stesso record, verrà usata la stessa formula per dirimere le parità utilizzata nella prima e nella seconda fase.

Le squadre avranno roster di 28 giocatori (da ufficializzare entro il 6 febbraio; almeno 13 lanciatori e 2 ricevitori). Gli staff tecnici saranno composti dal manager e 6 coach.
New York ha ospitato la riunione preliminare del World Baseball Classic 2017Tra i 50 giocatori del roster allargato (da sottoporre entro il primo dicembre 2016) potranno essere indicati 10 lanciatori della cosiddetta designated pool. Di questi, solo 2 potranno far parte della rosa dei 28, ma gli altri 8 potranno essere chiamati in gioco nel corso del torneo per sostituire questi 2.
I lanciatori avranno un limite di 65 lanci nella prima fase, 80 nella seconda e 95 nella fase finale. I pitcher che effettueranno 50 o più lanci dovranno riposare 4 giorni, quelli che ne effettueranno 30 o coloro che lanceranno in 2 partite in giorni consecutivi (in caso di recupero e doppio incontro in una stessa giornata un pitcher non potrà lanciare in entrambe le partite) dovranno osservare un riposo di un giorno.
Potranno rappresentare una nazione oltre a coloro che sono in possesso della cittadinanza: i giocatori che hanno partecipato per quella squadra a edizioni precedenti del Classic, persone nate nel Paese, residenti permanenti nella Nazione, figli di cittadini del Paese, figli di genitori nati nel Paese e coloro che possano dimostrare l'eleggibilità a ottenere la cittadinanza della nazione.

Il World Baseball Classic 2017 sarà giocato con palle Rawlings (le ufficiali della MLB). Le partite della prima e della seconda fase saranno dirette da 4 arbitri (2 MLB e 2 della Federazione Internazionale, WBSC, che riconosce il torneo e partecipa alle Commissioni Tecniche) e quelle della fase finale da 6 arbitri (3 MLB e 3 WBSC). In caso di parità, dall'undicesima ripresa entrerà in gioco la regola del tie break. Le partite si concluderanno per manifesta inferiorità con un divario di 15 o più punti dopo che la squadra in svantaggio avrà completato il quinto attacco o con un divario 10 o più punti dopo che la squadra in svantaggio avrà completato il settimo attacco.
Dopo ogni partita 2 giocatori per squadra saranno sottoposti a controllo antidoping secondo il protocollo dell'Agenzia Mondiale (WADA). I test saranno effettuati dall'agenzia CDT.

A tutte le 16 Federazioni sarà garantito un premio di partecipazione, che andrà devoluto per metà agli atleti. Non sono stati resi noti i dettagli, ma l'ammontare totale si stima possa essere lo stesso dell'edizione 2013: 14 milioni di dollari.
"La nostra ambizione è che al termine del torneo siate tutti convinti di aver partecipato alla manifestazione meglio organizzata che ci sia" ha detto James Pearce prima di congedare i rappresentanti delle 16 nazioni partecipanti.

IN VENDITA I BIGLIETTI

da New York, Riccardo Schiroli