Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

Gli Stati Uniti sono un vero 'dream team'

di Riccardo Schiroli

Joe TorreChi lavora per USA Baseball e si occupa di mettere assieme il roster del Team USA per il World Baseball Classic ha probabilmente la sensazione di occuparsi di Fantasy Baseball. Questo fin da quando compila lo staff tecnico: manager Joe Torre, pitching coach Greg Maddux, suggeritore di terza Willie Randolph e Bench Coach Larry Bowa. Si tratta di nomi che, senza mezzi termini, hanno fatto la storia del baseball.

Le stelle non mancano anche nella rosa dei giocatori, a cominciare dal veterano (classe 1974) R.A. Dickey (Toronto Blue Jays), il detentore del Cy Young Award (miglior pitcher; conquistato con la maglia dei Mets di New York) per la National League e uno dei pochi lanciatori di knuckle ball rimasti in circolazione.
Per altro, è molto raro vedere una nazionale degli Stati Uniti in un torneo internazionale con uno staff meno cheR.A. Dickey eccellente. In passato (e nel passato del Classic per gli americani ci sono solo delusioni), i problemi sono venuti semmai da uno scarso rendimento in battuta e da un mediocre stato di forma di elementi chiave.

Il line up, che si fa forza di superstar come Jimmy Rollins (interbase, Phillies), Mark Teixeira (prima base, Yankees), David Wright (terza base, Mets), Ryan Brown (esterno, Brewers), Giancarlo Stanton (esterno, Marlins), Adam Jones (esterno, Orioles), Joe Mauer (ricevitore, Twins) dovrebbe essere davvero una garanzia.
Il ruolo di motivatore è naturalmente lasciato a Joe Torre, uno dei manager più vincenti della vincente storia degli Yankees, e che torna in divisa dopo un paio di stagioni alla scrivania delle Baseball Operations MLB.
"E' un onore e una grande responsabilità, guidare la nazionale" ha detto Torre al sito MLB "Se mi emozionerò? Ci penserò dopo che mi sono messo la divisa".

Gli Stati Uniti, insomma, al terzo tentativo nel torneo non possono fallire. Dopo una clamorosa eliminazione nella seconda fase (ad opera del Messico, che ritroveranno a Phoenix) e una bruciante sconfitta in semifinale, puntano decisi all'oro
E, non c'è nemmeno bisogno di dirlo, sono la netta favorita del girone 'D'.

LA PAGINA DEGLI USA SUL SITO UFFICIALE