Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

Il Messico è sempre stato protagonista al Classic

di Riccardo Schiroli

Il Messico è la prima avversaria dell'Italia nel World Baseball Classic 2013.
Non parliamo di uno dei paesi considerati dominanti in questo sport, ma siamo di fronte a una nazione che ha un campionato di baseball professionistico da tempo immemorabile e che, a oggi, ospita 2 Leghe di alto livello: la Liga Mexicana de Beisbol (LMB), che si gioca in primavera ed estate, e la Liga del Pacifico (LMP) che si gioca in autunno e inverno.
Sergio RomoLa nazionale messicana ha superato il primo turno in entrambe le edizioni del World Baseball Classic e nel 2006 ha addirittura eliminato gli Stati Uniti (che avevano Roger Clemens sul monte) battendoli ad Anaheim. A proposito di sgarbi al Team USA, il Messico nel 2003 lo fece fuori dalle Olimpiadi di Atene.

La squadra per l'edizione 2013 non potrà contare sui giocatori della LMB, che si sono visti proibire la
partecipazione (pena una squalifica) al culmine di una diatriba tra la Federazione messicana e i vertici della Lega sull'attribuzione dei premi di partecipazione al Classic.
Il manager è Rich Renteria, americano che è stato una stella della LMB negli anni '90. Tra i coach avrà
nientemeno che l'ex grande lanciatore Fernando Valenzuela, forse il più famoso giocatore messicano di tutti i tempi.
Il parco lanciatori è decisamente rispettabile, con ben 12 pitcher sotto contratto con organizzazioni di Grande Lega, inclusa la star Sergio Romo, closer dei San Francisco Giants Campioni del Mondo, nato per altro a Brewley in California nel 1983. Rodrigo Lopez (classe 1975, Chicago Cubs) ha vinto anche 15 partite in una stagione di Grande Lega e Yovani Gallardo (classe 1986, Milwaukee Brewers) è tra i lanciatori che battono meglio della storia del baseball (già 9 homer in Major).
Sul parco lanciatori c'è anche una curiosità: Horacio Ramirez (che, come Romo, è nato negli Stati Uniti, ma nel 1979) alAdrian Gonzalez al Classic 2009 torneo di qualificazione alle Olimpiadi del 2003 giocava nella nazionale degli Stati Uniti, che contro il Messico perse. Allora era una grande promessa degli Atlanta Braves.
Romo e Ramirez non sono gli unici lanciatori messicani nati negli Stati Uniti: a Sacramento è nato David Hernandez (classe 1985, Arizona Diamondbacks), a Los Angeles Cesar Ramos (1984, Tampa Bay Rays).

L'attacco ha il suo uomo di punta in Adrian Gonzalez, il prima base superstar passato di recente dai Boston Red Sox ai Dodgers di Los Angeles. A lui si aggiunge il fratello Edgar (entrambi sono nati e cresciuti negli USA), che è stato nel 2010 uno dei migliori battitori della NPB giapponese.
Hanno ampia esperienza di Grande Lega anche i veterani Jorge Cantu (nella foto di copertina) e Karim Garcia, oggi stelle della LMP.
Infine, ha giocato nei Boston Red Sox nel 2008 il veterano (classe 1979) Gilberto Velazquez, un interno che attualmente in forza all'organizzazione dei Mariners.

LA PAGINA DEL MESSICO SUL SITO UFFICIALE