Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

COREA E GIAPPONE RAPPRESENTANO L’ASIA A SAN DIEGO

Così come tre anni fa, Corea e Giappone hanno passato il turno nella Pool asiatica, sempre giocata al Tokyo Dome, strapieno per le partite dei padroni di casa.
Jung Keun Bong (Getty Images)La parziale sorpresa di quest’anno è stata la vittoria della Cina su Taiwan, anche se la squadra dell’isola di Formosa ha avuto parecchie defezioni di giocatori importanti.
Guidata quest’anno da Terry Collins, la Cina comunque ha fatto vedere notevoli progressi, ma la strada per competere con le due potenze è ancora lunga.

Nella partita di lunedì mattina (lunedì sera in Giappone), ininfluente per la qualificazione, i coreani hanno beffato i padroni di casa per 1-0 vincendo così il girone, e guadagnando il diritto di incontrare la seconda classificata della Pool B nel primo incontro del prossimo turno.
La Corea ha giocato una partita perfetta, segnando al quarto inning su un singolo del bomber Tae Kyun Kim, e difendendo il risultato sino alla fine.
Magistrale la prova sul monte dell’ex Braves e Reds, Jung Keun Bong, che ha tenuto a zero il lineup nipponico per 5.1 riprese, concedendo 2 valide, e zero basi. L’opera è stata completata dai rilievi Jong, Ryu e Lim; quest’ultimo ha chiuso la saracinesca tra ottavo e nono inning, ottenendo 5 out consecutivi senza passare giocatori in base.

IL TABELLINO

Yu DarvishIl Giappone edizione 2009 ha tutte le carte in regola per bissare il successo della scorsa edizione, ci sono quasi tutti i migliori della NPB e le stelle della Major League, Matsuzaka, Johjima ed Iwamura. Così come il 2006 è stato il trampolino di lancio per Matsuzaka, questo torneo potrebbe essere la vetrina per l’astro nascente del Sol Levante, il lanciatore destro degli Hokkado Nippon Ham Fighters, Yu Darvish.
Guardando le statistiche, nonostante siano state giocate solo tre partite, notiamo che le mazze più calde sono l’interbase Nakajima, il catcher Johijima e l’esterno Aoki (tutti sopra .350), mentre sul monte tutti a 0.00 di ERA tranne Matsuzaka, con Darvish che brilla con le migliori performance (6 strike out in 5 inning).

La Corea ha una squadra fatta quasi interamente in casa, il solo giocatore “americano” è il minor-leaguer degli Indians, Shin Soo Choo, che però gioca solo DH per problemi al gomito.
Tae Kyun Kim (prima base degli Hanwha Eagles), Dae Ho Lee (terza base dei Lotte Giants) e Hyun-Soo Kim (esterno dei Doosan Bears) sono i bomber della squadra, mentre il monte è stato sorretto dai partenti Jung Bong (LG Twins), Hyunjin Ryu (Hanwha Eagles) e Suk-Min Yoon (Kia Tigers), oltre che da un affidabilissimo bullpen, e da una splendida difesa.