Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1
Il Giappone con il trofeo dell'Australia Pacific Cup (EzR/NADOC)

Il Giappone conquista la Australia Pacific Cup 2020

Nessuno riesce a fermare il Giappone che inanella la sua ottava vittoria di fila e mette nella sua bacheca la Australia Pacific Cup 2020 superando in finale le Travelodge Aussie Spirit con un secco 7-0 che porta alla sospensione per manifesta prima del limite. La squadra nipponica non sbaglia un colpo nella finale con la squadra australiana, piazza le giocate giuste al momento giusto e concede quasi nulla alle avversarie. A condurre la propria squadra verso la vittoria, caso mai ci fossero dei dubbi, la lanciatrice Yamato Fujita che concede solo 3 valide, nessuna extrabase.

La finale della Australia Pacific Cup parte piano, almeno nella prima ripresa, poi già al secondo si anima grazie alle giocate nipponiche. Con corridori in seconda e terza Kawabata, premiata come best hitter del torneo, tocca un singolo all'esterno che regala il vantaggio al Giappone e sulla seguente eliminazione di Atsumi entra anche il raddoppio (2-0).

Tutto fila via liscio senza emozioni fino al quinto dove la squadra asiatica riesce a siglare un altro punto pur non colpendo nemmeno una valida: base ball, sacrificio, palla mancata ed eliminazione in diamante valgono il 3-0. In precedenza le Aussie Spirit avevano provato a riaprire la gara mettendo in base i primi 2 battitori della quarta ripresa, ma senza fortuna perché Fujita, con la preziosa collaborazione della difesa, aveva respinto ogni insidia senza nemmeno far toccare al terza.

Al sesto arriva quindi l'epilogo che mette la parola fine in anticipo alla finale. Prima il singolo di Kawabata porta a casa Harada (4-0), poi con le basi piene Naito piazza una secca linea fra esterno centro e destro per il doppio che svuota i sacchetti e porta al 7-0 finale.

IL TABELLINO DELLA FINALE AUSSIE SPIRIT-GIAPPONE

Al termine della finale, durante la cerimonia di chiusura, Stacey Porter è stata premiata come MVP del torneo, mentre a Kaia Parnaby è andato il premio di best pitcher. A Yamato Fujita invece il premio come pitcher della finale.
La Australia Pacific Cup si chiude così con la seguente classifica: 1. Giappone, 2. Travelodge Aussie Spirit, 3. Messico, 4. Italia, 5. Australia, 6. Cina Taipei, 7. Nuova Zelanda.

LA PHOTOGALLERY DELLA FINALE E DELLE PREMIAZIONI

da Sydney (Australia), Fabio Ferrini

Tutto sull'Australia Pacific Cup