Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1
Andrea Filler festeggiata dalla compagne dopo la volata del primo punto azzurro (EzR/NADOC)

Australia Pacific Cup: rimonta vincente dell'Italia sul Messico

Alla prima uscita stagionale ufficiale l'Italia di Enrico Obletter non delude le attese e fa conoscere la sua tenacia anche al di fuori dell'Europa. Così le azzurre, seppur dall'altra parte del mondo al Blacktown Sports Park di Sydney, continuano da dove avevano lasciato ad Utrecht ed infilano la prima vittoria della Australia Pacific Cup ai danni del Messico (4-3), avversaria nel prossimo torneo olimpico. Al primo impegno del 2020 l'Italia non brilla come ci aveva abituato, fatica nei primi due terzi di gara, va sotto nel punteggio contro le centroamericane (0-3) ma poi si sveglia e in un solo inning, il sesto, piazza i 4 punti che gli permettono di festeggiare dimostrando la propria caparbietà e voglia di vincere in tutte le occasioni.

Il primo lineup del 2020 che Enrico Obletter consegna agli scorer vede qualche volto nuovo, e giovane: Giulia Koutsoyanopulos viene schierata a difesa della prima con Andrea Howard spostata all'esterno destro, Andrea Filler copre l'interbase e il capitano Erika Piancastelli si schiera dietro al piatto in batteria con Greta Cecchetti. Il resto della formazione è quella vista ad Utrecht con Carosone in seconda, Longhi in terza, Ricchi all'estrno sinistro e Vigna al centro e Gasparotto nel ruolo di DP.

La partenza delle azzurre è in salita sotto tutti i punti di vista perché nel primo attacco dopo aver toccato la prima valida con il leadoff Kotsoyanopoulus chiude battendo in doppio gioco e poi al cambio campo arriva l'immediato vantaggio del Messico firmato da Sanchez che, dopo essere stata colpita ed essere avanzata su un'eliminazione in diamante, corre a casa sul singolo a sinista di Cervantes. Contro i lanci di Escobedo le mazze italiane fanno molta fatica e spesso rimangono al Per la giovane Alexia Lacatena prima salvezza con la casacca di Italia Softball (EzR-NADOC)piatto guardando l'ultimo strike (5 strikeout in 3 riprese per la partente centroamericana). Le cose non migliorano contro il primo rilievo O'Toole, mentre il Messico per altre 2 volte porta il corridore in zona punto, senza però riuscire a muovere il punteggio, almeno fino al quinto.

La quinta ripresa sembra mettere la parola fine sulla partita quando le messicane infilano tre singoli agli esterni  con Sanchez, Palacios e Gonzales che, insieme ad una base ball, valgono 2 punti e chiudono la prestazione del partente azzurro Greta Cecchetti, rilevato da Lisa Birocci.

Ed invece si rivede uno sprazzo dell'Italia versione Europeo e Qualificazione Olimpica, quell'Italia che non molla e con grinta sa ribaltare le partite e mettere in crisi le avversarie. In crisi entra il rilievo centroamericano O'Toole che non è aiutata dalla sua difesa con Koutsoyanopulos salva in prima su errore. Da qui inizia la rimonta. Carosone batte il primo lancio in valido a sinistra (per lei una partita da 3 su 4), Piancastelli incassa 4 ball e le basi sono tutte occupate. Filler tocca duro a destra ma la palla finisce in bocca all'esterno, tanto basta però per spingere a casa il primo punto azzurro. Una smanicata di Howard che cade dietro al seconda base torna a riempire le basi, poi una violenta battuta di Gasparotto che porta all'errore del terza base ed una rimbalzante in diamante di Ricchi permettono all'Italia di pareggiare (3-3). Ma alle azzurre non basta aver riequilibrato la partita così Longhi tocca duro al centro per la valida del vantaggio (4-3).

Al cambio campo il Messico prova a reagire e trova 2 valide consecutive, con un solo out, che spingono Obletter a chiamare in pedana la giovane Alexia Lacatena. E qui si assiste alla giocata più spettacolare della sfida: Sanchez batte quasi una linea all'esterno centro a cui Vigna corre incontro ed in tuffo, sfiorando l'erba con il guanto, la prende al volo per poi chiudere il doppio gioco in seconda. E la saracinesca azzurra rimane chiusa anche al settimo dove Lacatena passa 3 avversarie nel box per firmare la sua prima salvezza con la casacca azzurra "delle grandi".

Nemmeno il tempo di festeggiare che l'Italia torna di nuovo in campo: alle 19.30 locali, le 9.30 in Italia, le azzurre affronteranno le Travelodge Aussie Spirit, l'altra squadra australiana, che nella prima uscita hanno sconfitto l'Australia con un fuoricampo di Wall al settimo.

IL TABELLINO DI MESSICO-ITALIA

LA PHOTOGALLERY DI MESSICO-ITALIA

da Sydney (Australia), Fabio Ferrini