Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

#HicEtNunc: qui e adesso è arrivato il momento di Italia Softball

Sarà un anno importante, il 2020, ricco d’impegni per il movimento italiano dei diamanti. Su tutti, innegabilmente, la sfida olimpica della Nazionale di Softball, che riporta ai Giochi il tricolore dopo 16 anni d’assenza.

Non si sono fermate un attimo, le azzurre, negli ultimi 36 mesi: test fisici e atletici, preparazione individuale, raduni, amichevoli, competizioni, ufficiali e non, di altissimo livello, vittorie esaltanti.

La squadra è una ‘macchina da guerra’ che, con la guida di Enrico Obletter e del suo staff, ha dimostrato tecnica, talento, determinazione e quell’indispensabile, indefinibile qualcosa che la rende difficile, molto difficile da battere: la capacità di reagire ai momenti difficili con una spietata lucidità che nasce dalla coscienza della forza del gruppo e della singola giocatrice, di volta in volta diversa, ogni volta puntuale, capace di dare la svolta nel momento-chiave.

È compito loro, per questo 2020 che le vedrà sotto i riflettori, portare la bandiera del baseball e del softball italiani, rappresentare ogni lancio e ogni battuta che ciascuno di noi, dal più giovane neofita al più irriducibile appassionato, sarà chiamato ad effettuare, giudicare, insegnare, classificare, celebrare o descrivere.

Non si sono fermate nemmeno nel mese di dicembre, le nostre ragazze, chiamate a Roma per le visite olimpiche di rito, e l’occasione è servita anche per confezionare il messaggio (grido di guerra?) che le caratterizzerà nel cammino verso Tokyo.

Rappresentare l’Europa e l’Africa, come Italia: occorreva individuare un motto che potesse richiamare la lunga storia che il nostro paese simboleggia, ma anche ritrarre la personalità di una squadra e di atlete dal carattere fortissimo.

Ed ecco che la scelta è caduta sulla locuzione latina Hic Et Nunc, ovvero Qui e Adesso, il momento è ora e siamo pronte, non ci tireremo indietro.

Un messaggio di consapevolezza della propria forza, una forza che non rinuncia al sorriso, nel rendere pubblica la gioia di portare avanti questa grande avventura insieme e che, con le azzurre, abbiamo voluto celebrare con le immagini che presentiamo oggi, primo giorno dell’anno olimpico, a supporto del lancio dell’hashtag ufficiale che ci accompagnerà fino in Giappone. Venite con noi!

#HicEtNunc #hereandnow #tokyoherewecome

Desidero, a nome della FIBS, ringraziare le due attività che hanno supportato il servizio fotografico al centro di questo lancio: si tratta di Costumepoque, sartoria teatrale romana che ha messo a disposizione capi, esperienza e assistenza per creare il set, e di Sublime La Villa, splendida location per eventi nella quale il set è stato allestito. Senza la loro disponibilità (unita a quella delle ragazze, ovviamente) non sarebbe stato possibile realizzare questa idea.

Marco Landi