Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1
Italia e Perù posano insieme dopo l'amichevole con il Sindaco di Saronno (MG-Oldmanagency)

L'Italia softball vince e convince contro il Perù

E' stata un'Italia brillante quella vista sul diamante di Saronno nel primo impegno amichevole di una stagione importante, che culminerà con l'Europeo di Ostrava e la Qualificazione Olimpica a Utrecht. La Nazionale seniores guidata da Enrico Obletter si è aggiudicata per 16-0 la sfida contro il Perù, una partita secca giocata sulle 10 riprese senza manifesta, che avrebbe altrimenti fatto concludere anzitempo l'incontro a favore delle azzurre.

Ad un avvio di maggior equilibrio, sbloccato immediatamente con i due punti portati a casa da Brandi ma con il punteggio rimasto fisso sul 2-0 fino alla quarta frazione, è poi seguito il decisivo allungo delle italiane che non hanno avuto difficoltà a leggere e colpire i lanci delle pitchers pervuviane, dilagando e regolando un avversario modesto e particolarmente giovane.
Per tutte c'è stato spazio per la gloria: Brandi ha colpito un fuoricampo interno alle spalle dell'esterno centro, Longhi ha mostrato una buona condizione atletica rubando seconda e terza base su due giocate consecutive ed in generale tutte coloro che si sono avvicendate nel box di battuta hanno contribuito al successo.

Obletter ha presentato inizialmente in pedana Lisa Birocci, sostituita dopo due ottime riprese da Greta Cecchetti – autrice di 5 K in tre inning – prima della salita in pedana di Ilaria Cacciamani (2.2 IP), Alice Nicolini (1.1 riprese lanciate) e Laura Bigatton (1 ripresa)
Dietro il piatto, complice anche l'assenza del capitano Piancastelli, ha giocato Gasparotto (spostatasi poi in terza nel corso dell'ultimo inning), con il resto dell'infield entrato in campo con Brandi (prima base), Lara Cecchetti (seconda base), Bassi (interbase) e Longhi (terza base). Il trio d'esterni ad inizio gara presentava invece – da sinistra a destra – Fabbian, Bettinsoli e Marrone, con Oliveti come battitore designato. Spazio poi, a partita in corso anche per Rotondo e Princic in un'Italia dai tanti titolari ma anche dai diversi esperimenti.

I 14 punti segnati tra la quarta e la settima frazione (sette dei quali in una devastante settima ripresa) sono stati la cartina tornasole di una differenza vista sul diamante, con le ragazze sudamericane che hanno concesso troppi passaggi gratuiti in base e commesso diversi errori in difesa – prontamente sfruttati delle azzurre, abili invece nel bloccare sul nascere le discrete prestazioni in battuta delle peruviane, manteneute a secco grazie ad un'eccellente difesa anche nei momenti di maggior difficoltà.

da Saronno (VA), Nicolò Gatti

L'Under 19 softball pareggia in amichevole contro il Perù