Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

Al via lunedì l'Europeo di Softball maschile

Tutto pronto per la quattordicesima edizione del Campionato Europeo di Softball maschile che si svolgerà in Repubblica Ceca tra il 25 e il 30 giugno principalmente nella città di Havlíčkův Brod (Hippos Arena), sede della maggior parte delle partite in programma, e Kostelec nad Orlicí. Per la cittadina situata sulle rive del fiume Sázava si tratta della terza occasione in otto anni nella quale è sede ospitante della competizione. Nel suo primo anno come città ospitante, il 2010, fu la selezione danese a vincere per la prima ed unica volta il campionato europeo mentre la Repubblica Ceca arrivò seconda prima di inanellare una serie di tre vittorie consecutive prendendosi la vendetta proprio sui danesi nel 2014, festeggiando insieme al proprio pubblico l’ottavo titolo continentale. Adesso, i ragazzi del manager Kusý Tomáš sognano di ripetere quanto ottenuto quattro anni fa proprio sul suolo amico e di bissare il successo dell’ultima edizione, giocata a Montegranaro, che ha incoronato i boemi Campioni d’Europa per la nona volta.

CALENDARIO

Il cambiamento principale rispetto alla scorsa edizione del Campionato Europeo sarà il numero di partecipanti. Dopo l’espansione del 2016, con il torneo che passava dalle 7 squadre del 2014 a 10 nazionali, per il 2018 abbiamo un totale di 12 squadre grazie al rientro della Slovacchia, nazione che mancava dal 2010, e all’esordio assoluto della Lituania.

Non cambia invece la formula del torneo che prevede una prima fase composta da due gironi all’italiana (round robin) da sei squadre che avrà luogo da lunedì 25 giugno a mercoledì 27 giugno, ed una seconda fase, con un girone unico che vede le prime tre classificate dei due gironi e verrà disputato tra giovedì 28 e venerdì 29.

Al termine della seconda fase, nel pomeriggio di venerdì 29 spazio al classico page system che coinvolgerà le prime quattro squadre del girone unico e che terminerà con la semifinale di recupero e la finalissima in programma domenica 30 giugno.

La nazionale italiana del coordinatore Giuseppe Mastropasqua, del manager Antonio Sgnaolin e dei coach Maurizio Imperio e Alessandro Lanni arriverà in territorio ceco nella giornata di sabato. Il giorno successivo spazio all’allenamento, che servirà alla squadra per calarsi immediatamente nel clima agonistico prima del debutto in programma lunedi mattina (ore 11.15) contro la “new entry” Lituania, che fa parte del girone A assieme all’Italia, alla numero 1 del ranking e campione uscente Repubblica Ceca, alle numero 5 ex aequo Gran Bretagna (la cui selezione maschile di slow pitch si è recentemente laureata campione d’Europa per la prima volta in assoluto) e Belgio (terzo posto nella scorsa edizione) ed alla Germania, numero 9 del ranking assieme alla Svezia. Gli scandinavi se la vedranno invece nel girone B assieme alla Danimarca (2), Paesi Bassi e Israele (3), Croazia (7) e Slovacchia.

Il coordinatore Mastropasqua mostra ottimismo: “La nostra sarà una squadra con nuovi innesti ma cercheremo di portare a casa un risultato positivo che possa far bene al nostro movimento”. “Ad eccezione della Repubblica Ceca, che è da anni sulla cresta dell’onda e per questo motivo non possiamo considerarli come avversari con cui competere ad armi pari, il girone è alla nostra portata. Dovremo puntare a squadre che sono più abbordabili”. Per questo motivo ci sono buone speranze di migliorare il settimo posto dell’edizione passata, data appunto dalla esperienza che alcuni giocatori, come i lanciatori Eros Genero, Diego German Drigani (entrambi compagni di squadra nel Junior Alpina campione d’Italia) e William Binella oltre ai battitori Fabio Origlia (ricevitore del Padule Baseball), Stefano Ocera e Roberto Manente, portano in dote al nuovo gruppo di Antonio Sgnaolin.

È proprio sullo “zoccolo duro”, dunque, che si fondano le speranze della Nazionale: “Il Torneo di preparazione all’Europeo”, racconta Mastropasqua, “ci è servito per avere punti di riferimento e dall’esperienza maturata due anni fa contiamo di avere una maggior sicurezza nei nostri mezzi”.

Si parte lunedì 25 alle ore 9, ad Havlíčkův Brod, con in programma la sfida tra Israele e Croazia seguita dal debutto degli Azzurri previsto alle ore 11.15. Azzurri che affronteranno il giorno successivo la Repubblica Ceca (che dal 1993 non è mai andata oltre il 3° posto, vincendo 9 volte e concludendo 2 volte al secondo posto) sempre alle ore 11.15, e la Gran Bretagna alle ore 16. La prima fase si concluderà mercoledì con le sfide contro Germania (ore 13.15) e Belgio (ore 18). Le prime tre classificate staccheranno di diritto il tagliando per partecipare al Mondiale targato WBSC ed in programma sempre a Havlíčkův Brod e Praga nel 2019.

 

IL LINK PER IL CALENDARIO E IL PLAY BY PLAY

La Repubblica Ceca resta sul tetto d'Europa

di Luca Giangrande