Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1
Amanda Fama non riesce a eliminare Bianka Bell in seconda European Pro Series 2018 (K73-Oldmanagency)

LE USSSA Florida Pride completano la doppietta contro l'Italia

Sul diamante Francesco Nespoli di Caronno Pertusella la nazionale italiana ha tenuto testa per sei inning di gioco alla selezione statunitense delle USSSA Pride, prima che le ragazze a stelle e strisce trovassero il definitivo vantaggio per conquistare, con il punteggio di 2-0, anche gara 2 delle European Pro Series.

L'Italia, in occasione di questa sfida padrona di casa, inizia con Ilaria Cacciamani in pedana di lancio; dopo le prime due eliminazioni, concede un singolo a Sierra Romero, prontamente reso innocuo dal pop battuto da Shelby Pendley al primo lancio dell'at-bat successivo. Le Pride, guidate da Kelsey Nunley, detentrice del maggior numero di vittorie nella storia di Kentucky University, costruiscono la loro prima difesa sui velocissimi lanci della propria partente, che mette due strikeout e poi esce vincitrice da un turno di battuta lungo dieci lanci contro Amanda Fama.

Nella seconda ripresa a essere impegnata è l'interbase Fama, che dapprima non riesce ad evitare i singoli della ricevitrice Jaquish e della battitrice designata Duran, ma poi si rende autrice di un unassisted double play, afferrando la linea di Alex Powers e cogliendo fuori dalla base il corridore in seconda. Giulia Longhi batte un leadoff single e viene temporaneamente sostituita dal pinch-runner Fabrizia Marrone, che non riesce però ad avanzare ulteriormente e dopo due riprese il punteggio rimane inviolato.

Contro Mandy Perez, 2 su 3 in gara 1, Cacciamani realizza il primo strikeout del suo incontro, ma le statunitensi trovano comunque il modo di salire in base anche in questo inning con il singolo di Allexis Bennett, la quale sfrutta le sue rapide gambe per rubare la seconda base. La base ball concessa a Megan Wiggins rappresenta una situazione analoga a quella della ripresa precedente, ma ancora una volta le Pride non riescono a incidere per merito di due grandi giocate difensive firmate Cacciamani e Ricchi.

Le azzurre ancora una volta aprono bene salendo in base con Ambra Collina che conquista una base su ball e viene seguita, con due out, da Lara Cecchetti che viene colpita dopo un at-bat molto lungo. Per sfruttare la presenza di Amanda Fama nel box di battuta, il manager Obletter inserisce Veronica Comar come pinch runner provvisorio in seconda. La battuta di Fama è profonda, ma non sufficiente per superare l'esterno sinistro Wiggins che afferra al volo la pallina.

Nella quarta ripresa Alice Ronchetti sostituisce Cacciamani e il suo inizio non è dei più semplici: Jaquish batte un singolo e Bell ottiene una base ball, ma nonostante l'ennesima potenziale occasione la nazionale italiana si dimostra fredda nei momenti critici e riesce ad uscirne senza subire punti, chiudendo con un importante strikeout su Perez.

Giulia Longhi si conferma la battitrice più calda della nazionale e colpisce la seconda valida della sua partita con un bellissimo doppio nel buco tra esterno centro e destro, per la prima extra-base hit dell'incontro. La pitcher Nunley dà ulteriori segnali di cedimento regalando una base a Marta Gasparotto; la manager nordamericana Megan Willis è allora costretta a cambiare sulla pedana, inserendo Hannah Rogers. Sulla battuta di Beatrice Ricchi verso l'interbase, Longhi viene chiamata out per regola per interferenza e le azzurre non riescono più a incidere: la battuta di Refrontolotto è facile preda dell'esterno destro Perez e successivamente Collina termina strikeout.

La nazionale italiana gioca la propria miglior carta schierando Greta Cecchetti in pedana e la scelta paga, dato che l'asso azzurro annulla l'attacco delle Pride con due strikeout e con l'aiuto di Lara Cecchetti che ruba una valida a Wiggins.

Per inaugurare la parte bassa Rotondo giunge salva in base grazie all'errore dell'interbase Pendley, per poi terminare out per scelta della difesa sulla battuta di Vigna. L'esterno italiano arriva fino in seconda, ma nel turno di battuta più importante Rogers neutralizza Fama e mantiene lo 0-0.

Greta Cecchetti fatica all'inizio della sesta frazione di gioco e concede una base su ball a Pendley, per poi spostare il corridore in posizione punto con un lancio pazzo. Sahvanna Jaquish, 2 su 2 fino a questo punto, si conferma in grande forma e con una valida di fronte a Refrottolotto porta a casa la compagna. Bianka Bell batte un singolo e, cercando di rubare la seconda, induce all'errore Gasparotto e porta agevolmente a casa Jaquish. Cecchetti limita poi i danni mettendo strikeout sia Powers che Perez (terzo K della partita per lei).

Le azzurre non riescono a ripetersi per il quinto inning consecutivo nell'esordire con un battitore salvo in base, complice la rimbalzante di Longhi sull’interbase e stessa sorte si abbatte su Gasparotto e Ricchi.

Nella settima ripresa “Chip” Bennett viene eliminata con un bunt in foul sul conto di due strike, mentre la lunga volata di Megan Wiggins è di giurisdizione di Refrontolotto all'esterno sinistro. Ininfluente la base ball su Romero con due eliminati, in quanto Greta Cecchetti ottiene il settimo strikeout della sua partita.

Nell'ultimo frammento di gioco Hannah Rogers non ha problemi nell'eliminare RefrontolottoChiesa e Rotondo, regalando al pubblico anche un ultimo out spettacolare raccogliendo al volo la linea del battitore designato italiano.

Il secondo e ultimo match si chiude dunque con il successo per 2-0 delle USSSA Pride, al termine di poco più di due ore di gioco veramente combattute, come testimoniato dal tabellino rimasto per la maggior parte del tempo immacolato. Tante occasioni da ambedue le parti, molte delle quali però non sfruttate, e si è dovuto aspettare la sesta ripresa per vedere le statunitensi prendere la testa. Lanciatrice vincente Hannah Rogers, lanciatrice perdente Greta Cecchetti.

La nazionale italiana in questa doppia sfida contro la selezione delle Pride ha destato buone impressioni per quel che riguarda pedana di lancio e difesa. Un po’ meno soddisfacente l’attacco: in quattordici riprese totali zero punti nonostante, soprattutto nella seconda sfida non siano mancate le buone opportunità per produrre gioco sulle basi.

Le USSSA Pride proseguiranno l'European Pro Softball Series in Repubblica Ceca, mentre il prossimo grande impegno per le azzurre sarà il Campionato Mondiale di Chiba, Giappone, che prenderà il via il 2 agosto.

da Caronno Pertusella (VA), Nicolò Gatti

L'INTERVISTA A ENRICO OBLETTER CHE TRACCIA IL BILANCIO DELLE SFIDE ALLE PRIDE

L'Italia resiste per sei riprese alle Pride

L'Italia in campo nei test-match contro le USSSA Pride

25 aprile, clinic softball gratuito con USSSA Pride

La European Pro Softball Series porterà le USSSA Pride in Europa

00_20180425 enrico obletter nel corso di una visita european pro series 2018 k73-oldmanagency
00_20180425 enrico obletter nel corso di una visita european pro series 2018 k73-oldmanagency
01_20180425 italia foto ricordo con le atlete del minisoftball ei caronno e bollate european pro series 2018 k73-oldmanagency
01_20180425 italia foto ricordo con le atlete del minisoftball ei caronno e bollate european pro series 2018 k73-oldmanagency
02_20180425 usssa pride inno americano european pro series 2018 k73-oldmanagency
02_20180425 usssa pride inno americano european pro series 2018 k73-oldmanagency
03_20180425 italia inno di mameli european pro series 2018 k73-oldmanagency
03_20180425 italia inno di mameli european pro series 2018 k73-oldmanagency
04_20180425 ilaria cacciamani italia softball european pro series 2018 k73-oldmanagency
04_20180425 ilaria cacciamani italia softball european pro series 2018 k73-oldmanagency
05_20180425 kelsey nunley usssapride softball european pro series 2018 k73-oldmanagency
05_20180425 kelsey nunley usssapride softball european pro series 2018 k73-oldmanagency
06_20180425 alice ronchetti italia softball european pro series 2018 k73-oldmanagency
06_20180425 alice ronchetti italia softball european pro series 2018 k73-oldmanagency
07_20180425 hannah rogers usssapride softball european pro series 2018 k73-oldmanagency
07_20180425 hannah rogers usssapride softball european pro series 2018 k73-oldmanagency
08_20180425 sierra romero usssapride eliminain seconda alessandra rotondo italia european pro series 2018 k73-oldmanagency
08_20180425 sierra romero usssapride eliminain seconda alessandra rotondo italia european pro series 2018 k73-oldmanagency
09_20180425 amanda fama non riesce a eliminare bianka bell in seconda european pro series 2018 k73-oldmanagency
09_20180425 amanda fama non riesce a eliminare bianka bell in seconda european pro series 2018 k73-oldmanagency