Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1
Sara Avanzi elimina a casa Andrea Duran (Giovanni Padovani -Oldmanagency)

Italian Pro Series: in gara 2 tra Italia e Florida Pride vince la pioggia

Da Montegranaro la sfida tra le pro americane e la nazionale italiana si sposta a Parma, ma non è un trasferimento fortunato: a metà del quinto inning infatti un violento temporale lascia tutti con l’amaro in bocca: squadre negli spogliatoi sul 3-3.

Le Pride, che diversamente da gara 1 sono squadra di casa Hallie Wilson esterno centro, Courtney Ceo esterno sinistro, Shelby  Pendley interbase, Amanda Kamekona seconda base, GiOnna Di Salvatore prima base, Andrea Duran terza base, Lauren Chamberlain dp, Brigette Del Ponte esterno destro, Laura Zirgenhirt catcher e in pedana di lancio Andrea Williamson, rilevata dopo 4 riprese da Hannah Rogers, che però non ha avuto la possibilità di giocare a causa del temporale.

Marina Centrone che aveva a disposizione un gruppo allargato grazie alla presenza di alcune atlete delle formazioni della zona, che però non si sono potute esibire a causa della sospensione, aveva iniziato con: Elisa Grifagno (Forlì) seconda base, Priscilla Brandi (Bologna) prima base, Eva Trevisan (Bologna) dp, Giulia Longhi (Bussolengo) terza base, Beatrice Ricchi (La Loggia) esterno destro, Alice Parisi (Bollate) esterno centro, Sara Avanzi (La Loggia) ricevitore, Lara Cecchetti (Bollate) interbase, Marta Gasparotto (Staranzano) esterno sinistro e in pedana di lancio Mara Papucci (Nuoro), poi rilevata da Alice Ronchetti  (La Loggia).

Singolo a sinistra del lead-off Elisa Grifagno: è suo il primo punto delle azzurre, segnato grazie a una bella linea al centro del capitano, Eva Trevisan, dopo che Priscilla Brandi si era adoperata per la squadra, mettendo a terra un bunt di sacrificio per spostare il seconda base del Forlì sul cuscino di seconda.
Con il tentativo di tirare in diamante sulla corsa di Grifagno, Trevisan arriva sul cuscino di seconda e, poi, su lancio pazzo, la terza. Una base ball a Giulia Longhi consente di provare la doppia rubata, sulla quale Trevisan segna il 2-0.

Ma una partita diversa da gara 1, giocata a Montegranaro. Le Pride pareggiano immediatamente e lo fanno con 2 out: dopo una linea presa al volo da un grande riflesso di Mara Papucci e una rimbalzante sull’interbase di Ceo, arrivano un singolo di Pendley (che avanza su lancio pazzo), una base ball a Kamekona, 2 rubate e un singolo di GiOnna Di Salvatore, che spinge a casa 2 punti.

Nel secondo e terzo attacco l’Italia presenta 6 battitori e subisce 6 facili out, mentre le Pride mettono comunque sempre dei corridori in base: al secondo senza riuscire a produrre, anche grazie a un’ottima assistenza di Alice Parisi con taglio di Lara Cecchetti, sulla valida di Hallie Wilson, con out a casa di Chamberlain; al terzo, invece, arriva il punto del 3-2 per le Pride: 4 ball per Pendley, singolo di Kamekona, sul quale la difesa azzurra aggiunge in errore e, con corridori in seconda e terza, una texas a destra di Chamberlain consente a Pendley di correre a casa.

Punta nell’orgoglio l’Italia si aggrappa al capitano Eva Trevisan che, a inizio quarto, estrae un pezzo del proprio repertorio e batte un doppio sulla linea di foul a sinistra. Un bunt di sacrificio di Giulia Longhi spinge Trevisan in terza e poi, dopo una base ball limata da Beatrice Ricchi, che ruba la seconda nell’indifferenza del catcher, su strike-out con lancio pazzo ad Alice Parisi, il capitano corre a casa: sul tempo sarebbe out, ma la chiamata arbitrale, contestata dal coach delle Pride Megan Willis, dà l’ostruzione al ricevitore e punto valido.

Manca poco alla fine: il temporale in agguato consente alle Pride di cominciare il quinto attacco, mettendo Ziegenhirt in base grazie a un singolo ma, dopo la rubata della seconda, non c’è più tempo per rischiare.

Il terzo appuntamento della serie si gioca di nuovo a Parma, ore 19.00, sempre allo stadio Aldo Notari del Quadrifoglio; prima però: clinic mattutino per tutte le atlete e i tecnici della zona e, nel pomeriggio, alle 15.30, ricevimento in Municipio con l’Assessore allo Sport, Giovanni Marani e il Presidente del Consiglio Comunale, Marco Vagnozzi.

IL TABELLINO 

20160503 italia softball e usssapride giovanni padovani -oldmanagency
20160503 italia softball e usssapride giovanni padovani -oldmanagency
20160503 andy williamson usssapride giovanni padovani -oldmanagency
20160503 andy williamson usssapride giovanni padovani -oldmanagency
20160503 elisa grifagno segna il punto 1-0 italia softball vs pride giovanni padovani -oldmanagency
20160503 elisa grifagno segna il punto 1-0 italia softball vs pride giovanni padovani -oldmanagency
20160503 priscilla brandi italia softball bunt di sacrificio giovanni padovani -oldmanagency
20160503 priscilla brandi italia softball bunt di sacrificio giovanni padovani -oldmanagency
20160503 giulia longhi italia softball out in seconda shelby pendley usssapridegiovanni padovani -oldmanagency
20160503 giulia longhi italia softball out in seconda shelby pendley usssapridegiovanni padovani -oldmanagency
20160503 lara cecchetti italia softball giovanni padovani -oldmanagency
20160503 lara cecchetti italia softball giovanni padovani -oldmanagency
20160503 mara papucci italia softball giovanni padovani -oldmanagency
20160503 mara papucci italia softball giovanni padovani -oldmanagency
20160503 shelby pendley usssapride giovanni padovani -oldmanagency
20160503 shelby pendley usssapride giovanni padovani -oldmanagency

Italian Pro Series: illusione azzurra

Completata la sesta giornata, adesso le Italian Pro Series

Italian Pro Series: gli “innesti locali” della Nazionale

Il Comune di Parma ha presentato le Italian Pro Series

Italian Pro Series: le convocazioni di Marina Centrone

La prima volta per il softball pro in Italia: la Nazionale sfida le USSSA Pride