Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

Il 7 e 8 novembre gli esami per pitching coach di softball

Nel weekend del 7 e 8 Novembre la sede della FIBS Emilia Romagna, in via Del Mobiliere a Bologna, ospita l'atto finale del corso per Pitching Coach di softball 2014-2015, condotto con competenza dal Responsabile Tecnico Enrico Obletter durante i 2 moduli formativi del dicembre 2014 e del gennaio 2015.
Al termine della formazione in aula e palestra, i 37 partecipanti iniziali hanno avuto a disposizione un lungo e selettivo periodo di tirocinio sul campo, che hanno autogestito durante la stagione agonistica per lavorare con una loro atleta, e per annotare il lavoro tecnico svolto, documentarlo con un video iniziale e uno di fine stagione e per poter preparare la propria tesi scritta, che a fine settembre dovevano inviare alla Commissione di Esame unitamente alle risposte a 5 domande di Metodologia (preparate dal Metodologo Borselli) e Tecnica-Strategia (predisposte dal dal Responsabile Tecnico del corso Obletter) contenute in un questionario.

Le attività di Esame, con la supervisione del Presidente del CNT (Comitato Nazionale Tecnici) Domenico Micheli, inizieranno nella prima mattinata di sabato 7 novembre e proseguiranno fino al mattino successivo, con colloqui e prove pratiche di lancio live, destinate a determinare coloro che tra i 22 candidati ammessi otterranno la qualifica di Pitching Coach di softball di primo livello. I candidati dovranno dimostrare alla Commissione di aver perfezionato le loro conoscenze tecniche al fine di impostare correttamente le atlete più giovani a eseguire il lancio del softball, un gesto che richiede particolare coordinazione, tempismo, meccanica e atleticità, poichè si differenzia molto dalla meccanica di tiro utilizzata negli altri ruoli difensivi.