Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

A Milano il primo Park Field italiano

di Marco Landi

Milano come NewYork, il Forlanini come Central Park. Da un’idea di Faso e della sua Ares, subito sposata dall’Assessora allo sport del Comune meneghino, Chiara Bisconti, nasce il primo campo da baseball pubblico d’Italia.

“Fin da quando ho mosso i primi passi curiosi nei confronti del baseball” racconta il popolare bassista di Faso nel box (FIBS)Elio e le Storie Tese e conduttore baseballofilo radio-televisivo “ho vissuto il problema di chiunque voglia giocare a baseball senza avere una struttura alle spalle, una società con un rapporto ufficiale con l’ente pubblico proprietario del diamante: Buongiorno, vorrei giocare, posso entrare? Ma lei di che società è? Nessuna! Allora non può!

Oggi che l’Ares è ben consolidata (Faso guiderà domenica 13 ottobre i suoi Under 12 nel concentramento per il titolo italiano) non dimentica però queste esigenze basic: “Infatti! Gli Stati Uniti pullulano di strutture leggere di questo genere. Con una spesa veramente contenuta, un Comune può mettere a disposizione di chiunque voglia provare mazza e guantone senza particolare impegno un impianto come quella del Forlanini. Una rete di backstop, due panchine identiche alle altre del parco, quattro basi e una pedana... e il gioco è fatto! Un campo da softball e da Ragazzi pronto per essere goduto da tutti. Non c’è nemmeno la recinzione di fondo campo: è e rimane a tutti gli effetti una parte del parco.”

Il Park Field è dotato di un cartello che spiega in sintesi le regole del gioco, mentre un altro indica che chiunque lo desideri può rivolgersi alla sede dell’Ares, nell’attiguo campo Saini, per avere in prestito gratuito tutti gli strumenti necessari per la pratica. “Si tratta di mazze, guantoni e palle – ovviamente leggere – che sono a disposizione di tutti, basterà lasciare un documento e correre in campo.”

Ilaria Pino al Torneo della Repubblica 2013 (Bagattini)Per l’inaugurazione di sabato 12 ottobre, il pomeriggio è nelle capaci mani di Faso, che propone una partita dimostrativa di categoria 12 e Under fra Milano 46 e Ares, ma anche tutti i presenti potranno misurarsi nel box di battuta, sotto gli occhi dell’Assessora Bisconti, del Vice presidente FIBS Massimo Fochi e del CT della Nazionale softball Marina Centrone, accompagnata dalle azzurre Valeria Bortolomai, Lara Buila e Ilaria Pino che saranno impegnate in alcune dimostrazioni di gioco con altre ragazze provenienti dalle squadre lombarde.

Un appuntamento da non perdere per un’iniziativa che è auspicabile venga presto imitata e replicata da tante altre Amministrazioni.

In copertina: un esempio di campo pubblico in un parco americano