Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

All'Italia bastano tre riprese per demolire la Francia

da Praga (Repubblica Ceca), Fabio Ferrini

Poco più di un buon allenamento. Questa è stata la partita dell'Italia contro la Francia. Le azzurre, al secondo impegno di giornata, hanno chiuso le ostilità, se mai si sono aperte, in tre riprese (15-0). Un primo inning da 11 punti e 16 giocatrici passate nel box rende bene l'idea di come la sfida alle transalpine sia stata solo una formalità. Mattatrice del pomeriggio Priscilla Brandi che, dopo il 2 su 3 della mattina, chiude a 3 su 3 con 5 punti battuti a casa. Con questa vittoria l'Italia si guadagna il secondo turno e nell'ultima fatica del girone contro la Svezia (martedì 9 luglio alle 15.30) si giocherà il primo posto.

La terza partita dell'Europeo, alla fine, è quella più facile per le ragazze di Marina Centrone che hanno il merito di approcciare bene la sfida e non dare respiro alla Francia fin dai primi lanci. Per le transalpine, la squadra peggiore affrontata fino ad ora, il primo inning diventa una pena senza fine. Un calvario. Tra il poco controllo della partente Charline Gartner, le mazze azzurre che decidono di non far passare niente o quasi e toccare duro e una difesa transalpina a dir poco imbarazzante, il primo attacco dell'Italia, dopo il playball dell'arbitro, dura più di trenta Priscilla Brandi mattatrice della partita con la Francia: 3 su 3 con 5 rbi (2f/Oldmanagency)minuti. Molti meno sono quelli in cui resta in pedana la lanciatrice francese che saluta la partita dopo aver completato il primo giro del line-up italiano con 4 valide, 3 basi ball, 8 punti sulle spalle ed un solo eliminato.

Non che il rilievo Celine Lassaigne sia più fortunata perché anche lei vede passare nel box altre 7 azzurre prima di riuscire a porre fine a questa sofferenza. Sofferenza che si chiude con l'Italia avanti 11-0.
Finalmente arriva il momento dell'esordio per Ilaria Cacciamani, il cui riscaldamento nel bullpen sembrava non dover finire mai. Passata l'emozione iniziale che la porta a concedere la base ball al leadoff francese, la sua partita fila via liscia, seppur breve (1.2 riprese), così come quella di Luana Luconi, alla prima in assoluto con la casacca Italia sulle spalle.

Le azzurre completano l'opera per arrivare alla sospensione prima del limite già nella seconda ripresa. E qui la difesa francese, nella persona del suo esterno centro Zouine, ci mette più che lo zampino. Dopo una serie di 4 valide consecutive che aveva già portato il dodicesimo punto e riempito le basi, Pino alza un facile fly al centro che l'esterno centro si fa cadere goffamente dal guanto con tutti i corridori azzurri che corrono a casa. E' 15-0. Ma serve anche il terzo inning per poter dichiarare chiuse le ostilità, un inning in cui le transalpine hanno la minima soddisfazione di mettere a referto una valida.

IL TABELLINO     LA PHOTOGALLERY DELL'ITALIA     RISULTATI E CLASSIFICHE

Nella foto di copertina i tre esterni azzurri Barone, Buila e Montanari (2f/Oldmanagency)