Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

André Van Overbeek confermato alla Presidenza della Federazione Europea Softball

da Bled (Slovenia), Riccardo Schiroli

André Van Overbeek è stato confermato alla Presidenza della Federazione Europea Softball (ESF). Il candidato olandese ha battuto l'italiano Totoni Sanna (già suo Vice Presidente) per 17 voti a 11 (2 le schede nulle o bianche).
Il Congresso ha eletto anche Ami Baran (Israele) come Segretario Generale (unico candidato, ha ricevuto 22 voti e 8 schede nulle o bianche), ha confermato Eddy Van Straelen (Belgio) come tesoriere (all'unanimità) e eletto come Vice Presidenti Gabriel Waage (Repubblica Ceca-1° Vice Presidente con 25 voti), Youry Alkalay (Bulgaria-25), Dejan Jesic (Serbia-24), John Austin (Irlanda-23), Mette Niessen Jakobsen (Danimarca-22), Gilbert Tobback (Belgio-18).

Van Overbeek durante il Congresso (Baldhead-Oldman)Nel dibattito che ha preceduto il voto, Van Overbeek si era rivolto al Congresso in modo laconico: "Sarò felice di essere il vostro Presidente ancora per 4 anni".
Sanna aveva invece esposto un più articolato programma, parlando della necessità di continuare con un lavoro congiunto tra baseball e softball. Aveva poi enfatizzato la necessità di lasciare all'Esecutivo compiti più meramente politici e di attivare Commissioni per risolvere le questioni tecniche: "A cominciare da una Commissione per la revisione dello Statuto".
Sanna aveva affermato di vedere la ESF come l'organismo "Di sintesi del lavoro delle Federazioni".
I candidati alla Presidenza Jennings (Gran Bretagna), Komurcu (Turchia), Smagin (Russia) e Reinenbergh (Belgio; espressamente dalla parte di Van Overbeek) si erano ritirati prima del voto.

Dopo l'elezione del Presidente, Francesca Fabretto ha ritirato la sua candidatura a Segretario Generale, posizione che aveva ricoperto nella precedente legislatura: "Nulla di personale" ha detto, visibilmente emozionata "Ma non posso continuare a lavorare con André. Negli ultimi anni ho sempre posto l'interesse della ESF al primo posto, è il momento che diventi prioritario il mio interesse".
Essendosi ritirato anche il turco Ejder, Baran ha vinto come unico candidato. L'israeliano ha avuto parole di elogio per il lavoro di Fabretto: "E' stata il motore della ESF, non credo che sarò in grado di fare tanto quanto ha fatto lei".
Il Congresso ha decretato a Francesca Fabretto una standing ovation.

Anche Eddy Van Straelen è stato eletto come unico candidato, dopo i ritiri del turco Keles e del britannico Jennings. La sua candidatura ha messo d'accordo tutti.

Non eleggibili Baran (eletto Segretario) e il turco Kartal (ritiratosi, come tutti i candidati della sua nazione, primaI Delegati al Congresso ESF (Baldhead-Oldman) dell'inizio del Congresso), si è passati all'elezione dei Vice Presidenti.
Totoni Sanna, facendo le congratulazioni per la vittoria a Van Overbeek, si è ritirato: "Il Congresso la sua scelta l'ha già fatta".
Dopo di lui si sono ritirati anche lo svedese Palvia, l'austriaco Schmidt e il tedesco Elsishans. In lizza sono rimasti quindi 7 candidati per 6 posizioni.
Il bulgaro Alkalay ha posto come priorità l'aumento delle occasioni di giocare a livello internazionale.
L'irlandese Austin ha spiegato la sua candidatura con la necessità di portare le istanze dello slow pitch nell'Esecutivo.
La danese Niessen ha messo a disposizione la sua esperienza di ex giocatrice di alto livello.
Il belga Tobbak ha dichiarato di voler portare nell'Esecutivo la sua esperienza di arbitro.
Il ceco Waage si è ricandidato a ricoprire la posizione (aspetto tecnico e dei tornei) che ha avuto negli ultimi 4 anni.
Il serbo Jesic ha messo 2 priorità: aumentare i tornei riservati ai più giovani e avere visibilità televisiva. In questo, ha messo a disposizione la sua esperienza di giornalista sportivo.
Il russo Vlatcheslav Smagin, che chiedeva più attenzione ai paesi dell'Est, è risultato escluso (come detto, i Vice Presidenti sono 6) nonostante (con 17 voti) avesse comunque raggiunto la maggioranza richiesta.

Il primo compito del nuovo Esecutivo sarà dirimere la controversia sull'assegnazione della Coppa Campioni. Erano in lizza Alkmaar (Olanda) e Praga (Repubblica Ceca). La votazione (avevano diritto i 10 paesi partecipanti al torneo) però ha decretato una parità. Quindi, la procedura si riapre e i paesi interessati a ospitare l'Europeo per Club (in programma dal 19 al 24 agosto) hanno tempo fino alla fine di febbraio per presentare le candidature.

Al Congresso hanno partecipato, in veste di ospiti, il Presidente della Federazione Internazionale (ISF) Don Porter, assieme al Vice Dale Mc Mann; John Miller in rappresentanza della Amateur Softball Association of America (ASA), Beata Katsuba (Little League International) e Israel Roldan, Segretario Generale della Federazione Internazionale Baseball (IBAF).