Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

“Le Italian softball series hanno dimostrato la vitalità del softball italiano, l’Isl 2012 ha espresso un buon livello, che cercheremo di mantenere ”

                                                                                       di Jacopo Brianti

Il vice presidente federale e dell’Esf Totoni Sanna ha assistito alle Italian softball series 2012 conclusesi domenica 9 settembre al San Clemente di Caserta con il quarto titolo italiano consecutivo conquistato dalla Des in gara 5 sulla Sanotint Bollate, partecipando alla cerimonia di premiazione e consegnando la Coppa alla capitana casertana Francesca Seguella.

L’occasione ha permesso a Sanna di commentare la serie, analizzare lIsl 2012, gettando lo sguardo sul prossimo futuro. “La serie è stata molto combattuta ed equilibrata, entrambe le squadre (Caserta e Bollate) hanno avuto le occasioni per chiuderla in anticipo. Sono state partite altamente spettacolari in cui tutte e due le formazioni avrebbero potuto vincere. Alla fine ha trionfato il team che aveva la panchina più lunga. Queste finali – continua Sannahanno dimostrato la vitalità del softball italiano”.

Le Italian softball series hanno rappresentato la punta di diamante di un campionato, l’Isl 2012, che ha espresso nel complesso “un buon livello, sicuramente alto. Dopo le elezioni, il prossimo consiglio federale dovrà verificare il futuro del softball italiano, discutendo su come mantenere, nel difficile contesto economico attuale, questo livello tecnico”.

Il vice presidente federale indica la via: “si dovrà cercare di agevolare le società, stimolarle nella ricerca e nella crescita delle atlete e dei talenti di scuola italiana proponendo interventi a riguardo come fatto in passato con l’introduzione, ad esempio, dell’obbligatorietà nell’utilizzo di una atleta di scuola italiana Asi nel ruolo di interbase in uno dei due incontri previsti per ogni giornata di campionato”.

L’Isl infatti deve continuare ad essere il serbatoio naturale da cui la nazionale : “che agli ultimi mondiali svolti in Canada a Whitehorse ha peccato di inesperienza giocando tuttavia alla pari con il Giappone campione, perdendo solamente al tie break” dovrà attingere.