Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

Mondiali softball: Olanda sconfitta all'esordio dalla Cina

da Whitehorse, Fabio Ferrini

La prima giornata dei Mondiali di softball in corso a Whitehorse (Canada) non riserva particolari sorprese, ma sole delle conferme.
Nel girone B, quello dell’Italia, il match clou tra Giappone e Australia finisce con una vittoria della squadra asiatica che nonostante una partenza ad handicap con il solo-homer di Porter per le Aussie, ribalta la partita a suon di valide, otto, siglando i suoi punti a cavallo di terza e quinta ripresa. Dopo la cerimonia di apertura che si è svolta subito dopo la fine della gara dell’Italia, le padrone di casa del Canada hanno invece ragione di Taiwan grazie ad un colpo di coda negli ultimi tre inning in cui spezzano l’equilibrio iniziale. Mattatrice della serata Malanie Matthews che firma ben due fuoricampo. Nella prima sfida della giornata la Nuova Zelanda aveva superato 7-3 il Messico in rimonta dopo essersi trovata sotto nel punteggio alla fine della terza ripresa. A trascinare la squadra oceanica il terza base Andrews che ha chiuso a 3 su 4.

Nel girone A il primo giorno di competizioni si è aperto con la vittoria di Porto Rico sulla Repubblica Ceca (4-2) limitata a sole 3 valide dalla lanciatrice Garay. Per le centroamericane anche un fuoricampo di Castro. L’attesa sfida tra Stati Uniti e Venezuela finisce con un netto successo della formazione a stelle e strisce che ha preso letteralmente a bastonate i pitcher avversari. Ben 4 i fuoricampo statunitensi, due per Gibson e due per Arioto, mentre la lanciatrice Ricketts firmava una one-hit. Nel primo match pomeridiano l’Argentina sorprende il Sud Africa e si impone con un finale da 4 punti al settimo (8-3). Ben 12 le valide colpite dall’albiceleste con in mezzo il solo-homer di Olheiser. In serata match molto equilibrato tra Olanda e Cina con la partita che si risolve a favore della squadra asiatica al tie-break. Dopo aver subito il pareggio proprio nell’ultimo attacco, le orange sono state beffate al supplementare su un errore del terza base Anneveld che ha permesso Zhou Yi di siglare il 3-2 finale.

IL QUADRO COMPLETO DEI RISULTATI     LE CLASSIFICHE