Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

Esordio Vincente (1-0 alla Gran Bretagna) per l'Italia all'Europeo di softball

Da Ronchi dei Legionari, Maurizio Caldarelli

Esordio vincente per l'Italia agli Europei di softball in Friuli Venezia Giulia. Le azzurre, sul diamante di Ronchi dei Legionari, hanno superato di misura (1-0) la Gran Bretagna al termine di un incontro appassionante, dominato dalle lanciatrici Stella Turazzi (3bv-8so) e Stacie Townsend (3bv-10so), che hanno concesso le briciole agli attacchi avversari. E le azzurre sono state brave a sfruttare al quinto l'unica concessione della difesa per iniziare nel migliore dei modi questa avventura continentale. Trevisan e compagne, che hanno potuto contare sull'abbraccio di un pubblico entusiasta (calcolabile in circa 1500 persone) che ha riempito ogni angolo dello stadio pur di assistere alla prima uscita delle proprie beniamine, sono apparse mentalmente pronte per un torneo che si preannuncia comunque duro, per il valore delle avversarie. Una gara insomma di altissima qualità

Nel primo attacco inglese Stella Turazzi mette in base per ball il lead-off Yoshizawa, ma chiude con due strike out ed un'eliminazione al volo della Townsend. Dopo due eliminazioni al piatto, invece, nel suo primo attacco l'Italia colleziona un triplo con Andrea Montanari, che muore in terza a causa del terzo kappa della Townsend, su Sara Avanzi.

Due le giocatrici britanniche rimaste in base nel secondo inning, la Headley Cooper, salva grazie alla pallina uscita dal guanto di Bianca Novelli e Morgan Parkerson, colpita. 

In zona punto, al cambio di campo, arriva anche Valeria Bortolomai, con un singolo a destra ed una rubata, ma la straniera del Macerata si salva con due strike out ed un'eliminazione in diamante. La Gran Bretagna trova la prima valida dell'incontro al terzo tentativo con la Townsend che si ferma però in prima. 

Al quinto, con due out, la Yoshizawa trova un doppio a sinistra, ma viene eliminata mentre prova a correre in terza, da una "fucilata" di Bianca Novelli a Michela Vitaliani. 

Lo 0-0 si sblocca a fine quinto con il vantaggio dell'Italia. Dopo dieci out consecutivi, le azzurre rimettono un corridore in base,Valentina Marazzi che beneficia di quattro ball. Irene Barone, entrata come pinch runner, va in terza sul singolo a destra di Vitaliani, in seconda su rubata e va a segnare il vantaggio sullo strike di Buila, su cui la difesa britannica commette un errore. Nell'azione Vitaliani va in terza e Buila raggiunge la seconda, ma la Gran Bretagna riesce ad evitare altre segnature.

Al sesto Bortolomai è salva su errore, ma non viene fatta avanzare. Al settimo, con due fuori, Morgan Parkerson riesce a scavalcare Michela Vitaliani, ma Stella Turazzi, che non ha mai mostrato un minimo di cedimento, completa la straordinaria prestazione lasciando al piatto la Watkey e facendo esultare il popolo azzurro, che ha potuto assistere ad uno splendido incontro.

Lunedì alle 21, sempre sul diamante di Ronchi dei Legionari, le ragazze italiane sono attese al secondo impegno del girone giallo, contro la Svezia, che nella gara d'esordio ha superato per manifesta superiorità la Croazia.

IL TABELLINO  LE IMMAGINI

I COMMENTI DEL DOPO GARA

IL CALENDARIO E IL PLAY BY PLAY