Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

Si inaugura il 9 di giugno la mostra "Donna è sport 1861-2011"

E' l'omaggio della Gazzetta dello Sport e della Fondazione Cannavò per lo sport al compleanno dell'Italia per i suoi 150 anni. Una mostra multimediale intitolata Donna è Sport 1861-2011, per ripercorrere il cammino della donna nella storia, nella società e nel fenomeno sportivo italiano.

La locandina della presentazione di "Donna è Sport"La mostra viene presentata giovedì 9 giugno alla sala "Buzzati" di via Balzan 3 a Milano. E' ospitata nel Museo del Risorgimento, in via Borgonuovo 23 a ed è visitabile (ingresso gratuito)a partire dal 10 giugno; resterà aperta fino al 25 settembre.

Un gruppo di lavoro costituito da storici e ricercatori (Maria Canella, Luca Condini, Sergio Giuntini ed Elio Trifari), con il coordinamento editoriale di Maddalena Crivelli e la grafica di Donatella Broglia per lo studio In Rosa Comunicazione, ha preparato 70 pannelli (dimensioni 1x2 metri), che illustrano origini e pioniere, celebrano le grandi stelle dello sport italiano e mostrano le donne italiane in attività in numerose discipline. La mostra è arricchita da video, filmati, audio, fotografie, riproduzioni multimediali e da un'esposizione di opere d'arte di 13 giovani artisti.

I numeri

70 i pannelli totali in esposizione, di cui:
13 i pannelli sulle pioniere dello sport in Italia;
16 i pannelli sulle stelle dello sport italiano (scelte dalla Gazzetta dello Sport);
33 i pannelli sulle discipline sportive (dall'atletica leggera alla vela);

inoltre:

3 i pannelli con le date fondamentali;
un catalogo ragionato della mostra e un altro sul rapporto tra moda, immagine e sport;
un libro scientifico di 300 pagine sul movimento sportivo femminile italiano;
22 pannelli raccontano di poeti e romanzieri che hanno parlato di donne di sport.

Come detto, la mostra è a cura della Fondazione Cannavò per lo Sport e della Gazzetta dello Sport, realizzata in collaborazione con il Comitato per i 150 anni dell'Unità d'Italia, il Comune di Milano, con il patrocinio del Coni e il supporto della Società italiana di storia dello sport, dell'Università degli studi di Milano, del Politecnico di Milano, dell'Istituto di studi per il Risorgimento, del Centro studi per la storia dell'editoria e del giornalismo, dell'Istituto Luce, delle Teche della Rai e di Rcs Digital.