Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

L'Italia prima supera il Bollate, poi cede all'Olanda nel Torneo 150 anni Unità d'Italia

La centesima sfida tra Italia e Olanda, inserita fuori programma nel Torneo dei 150 anni dell'Unità d'Italia, è andato alle campionesse d'‘Europa che giovedì sera a Bollate hanno piegato le azzurre per 7-2, grazie ad un attacco da undici valide (2/4 Versluis e Oosterveld), che ha messo insieme il bottino di punti utili per la vittoria dalla terza frazione di gioco in poi. De Veert e vanDusschoeten hanno limitato a quattro le battute valide azzurre.

Marina Centrone affida l'atteso duello tra Italia e Olanda al braccio di Paola Cavallo.  La lanciatrice del Nuoro chiude indenne le prime due riprese, mentre il singolo di Michela Vitaliani interrompe l'imbattibilità della de Weert. Le campionesse d'Europa passano in vantaggio al 3°: la Marinus batte valido, ma viene eliminata in seconda. La Sint, salva in prima per scelta difesa, ruba la seconda e corre a casa sul singolo di Versluis. Al 4°, dopo una base ball, lo staff azzurro chiama in pedana Greta Cecchetti. La lanciatrice di casa viene toccata duro da Tuk e Marinus che con due doppi di fila fanno lievitare il punteggio sul 3-0. 

Il derby d'Europa si è definitivamente chiuso al 5°:  singolo a destra di Oosting, bunt sulla lanciatrice della Versluis e triplo da due punti della Oosterveld in mezzo agli esterni. Il bunt sul terza base di Areke Spel sulla neoentrata Mara Papucci porta il punteggio sul 6-0. Al sesto inning si assiste al risveglio della nostra nazionale: con un out, Valeria Bortolomai piazza un singolo in mezzo agli esterni, imitata da Andrea Montanari, che porta in terza Irene Barone (sostituto corridore di Bortolomai), prima di rubare la seconda. L'errore del terza base olandese sulla battuta di Marazzi consente la segnatura di due punti.  Al cambio di campo, però, le ragazze di Montvidas fissano il punteggio finale su Ilaria Cacciamani: singolo nel mezzo di Oosterveld,  in seconda con una rubata ed a punto sulla hit di Van Uden.

IL TABELLINO

La giornata per le azzurre era iniziata con l'esordio vincente  (7-0 al 5°) nel torneo dei 150 anni dell'Unità d'Italia contro il Bollate. Le azzurre hanno piegato facilmente il Sanotint  padrone di casa, che ha schierato la miglior lanciatrice per dare modo alle avversarie di effettuare un bel test. A fermare l'attacco lombardo ha invece pensato Stella Turazzi, che ha firmato una no-hit, con due sole giocatrici mandate in base per ball. Un successo netto, insomma, arrivato al termine di una gara che è servita più che altro ad amalgare il gruppo.

Le azzurre mettono subito sotto pressione Kate Robinson,  la partente lombarda. Il leadoff Abruzzetti firma un singolo ed in arriva in terza sul doppio di Bosdachin. Il triplo in mezzo agli esterni di Alice Fiorio porta l'Italia sul 2-0. Ancora la Fiorio mette lo zampino nel 3-0 al 3°: Abruzzetti arriva in prima per un errore difensivo, ruba la seconda, avanza in terza per una palla mancata e segna sul singolo del ricevitore della Loggia.  Dopo la brutta partenza, la lanciatrice yankee del Bollate prende le misure al line-up dell'Italia e chiude i rubinetti fino al 4°. Al quarto le ragazze di Marina Centrone tornano a bussare sul rilievo Alice Nicolini, colpita dai singoli di Oddonini e Abruzzetti. L'esterno  di Caronno va a casa sulla battuta di Fiorio,  l'interbase dell'Unione Fermana sulle due basi concesse a Buila e Avanzi. Luigi Soldi, a basi cariche con due eliminate, richiama in pedana la Robinson, per cercare di allungare la partita, ma Michela Vitaliani trova il corridoio chiuso sulla sinistra e porta a casa i punti che chiudono il match con due riprese d'anticipo.

IL TABELLINO

IL QUADRO DEI RISULTATI