Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1
Il tryout della Nazionale di baseball U18 a Firenze (Lynx Production)

“Una qualità media sorprendente” per l’Italia U18 di John Cortese

Una splendida giornata di sole ha accolto un nutrito gruppo di atleti sul diamante dello stadio ‘Pierpaolo Vita’ di Firenze, impegnati a dare il massimo sotto gli occhi dello staff della Nazionale di baseball Under 18 guidato da John Cortese.

È proprio con il manager e coordinatore dell’Accademia Nazionale che abbiamo fatto il punto al termine del secondo tryout di selezione, dopo quello di Godo riservato a lanciatori e ricevitori.

Riparte il programma dell’Italia Baseball U18 dopo parecchi mesi “In pratica sono passati due anni” fa i conti Cortese “da quando abbiamo avuto la possibilità di lavorare con una squadra completa. Abbiamo ovviamente seguito, direttamente e attraverso i contatti con i tecnici sul territorio i ragazzi più interessanti, ma ovviamente non è la stessa cosa. Ora siamo concentrati sui 2003-2004 e mi dispiace moltissimo per i 2002 che hanno perso l’opportunità per vestire la maglia azzurra in questa categoria.”

Come è andata oggi? “Sono sorpreso dalla qualità media. Mi aspettavo di vedere alcuni giocatori particolarmente pronti, ma complessivamente il livello del talento è molto alto. Abbiamo molto materiale umano su cui lavorare nei prossimi mesi, almeno una cinquantina di ragazzi. Il che è certamente un bene.”

Quindi la squadra per la Settimana di Praga (30/09-03/10) non è ancora definita. “È difficile dare indicazioni adesso, fra l’altro non ho avuto ancora modo di fare il punto sui pitcher, con i quali hanno lavorato Luis (Hernandez) e Mario (Da Re) a Godo. È chiaro comunque che quella che andrà a Praga non sarà la Nazionale del 2021, ma quella di questo momento.”

Marco Landi