Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1
Gli Staff delle Nazionali Baseball Giovanili riuniti in videoconferenza

La riunione ‘virtuale’ degli Staff delle Nazionali giovanili di baseball

Il Presidente Andrea Marcon e il Vice Presidente FIBS Fabrizio De Robbio hanno riunito gli staff tecnici delle Squadre Nazionali giovanili di baseball in una videoconferenza alla quale hanno partecipato il Consigliere Federale Alessandro Cappuccini e il Settore di competenza degli Uffici Federali per un aggiornamento sulla situazione relativa ai programmi e alle manifestazioni internazionali.

Il calendario ufficiale rimane estremamente fluido, visto che i tornei, in questo caso, non dipendono dalla situazione in Italia, bensì dall’evolversi dell’emergenza coronavirus in tutti i paesi delle selezioni coinvolte.

Al momento, ha confermato Marcon, l’ipotesi fatta dalla CEB è quella di disputare le competizioni continentali che valgono la qualificazione per le Coppe del Mondo 2021, ovvero l’Europeo U18 di Macerata e Montegranaro, per ora riprogrammato per fine agosto, e quello U12 di Mortsel, Belgio, per fine settembre, mentre per il Mondiale WBSC U15 in Messico, ancora senza indicazioni ufficiali, si parla di fine anno.

“Il sacrificio che vi chiediamo” ha ammesso il massimo dirigente della Federazione “è enorme, e ne siamo consapevoli, ma, come sapete, la priorità oggi è concentrare il più possibile delle risorse, che stiamo recuperando da ogni settore della Federazione, a sostegno delle Società, dalle quali dipende la vita stessa del movimento. Onoreremo gli impegni azzurri nel miglior modo possibile, su questo non ci sono dubbi, ma il nostro mantra deve essere ‘fare il massimo con il minimo’ in questa tragica situazione che stiamo tutti vivendo.”

Nel condurre la seconda parte della riunione, De Robbio ha raccolto dai coach le considerazioni in merito a tutte le incertezze relative al quando e al quale forma avrà il graduale ritorno alle attività quotidiane, ai timori che comunque per diverso tempo vivranno le famiglie e alla difficoltà di impostare una nuova programmazione in un quadro ancora indefinito. Insieme a questo, però, anche la piena comprensione e disponibilità a proseguire il lavoro per gradi, tenendo sempre quale riferimento primario la salute dei ragazzi, l’attività che sarà possibile organizzare per i club e a fare il possibile per organizzare il lavoro delle Nazionali in modo che si trovino pronte al momento della chiamata in campo, eventualmente procedendo con raduni per mini-gruppi viaggiando sul territorio.

Gli staff hanno concordato di riunirsi periodicamente in videoconferenza per elaborare i loro programmi in base all’evolversi della situazione generale.

Marco Landi