Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1
	20190728 - Sabatini Mazzanti U12 (KS/FIBS)

Italia Baseball U12 bagnata e vincente

Vittoria bagnata e preziosa per Italia Baseball U12. Nella terza partita del Mondiale contro l’Australia, gli azzurrini si impongono per 6-4. Un successo di carattere sotto la pioggia battente sul campo di Shanhua, che ha accompagnato le due squadre dal quarto inning in avanti e ha provocato la sospensione del match con due out nel sesto e ultimo attacco australiano. Dopo la pausa di circa 90 minuti, gli azzurrini di Stefano Burato ottengono l’ultima eliminazione e possono festeggiare.

Doveva essere la partita della riscossa contro l’altra squadra del girone a secco di successi. La sfida inizia con sussulti positivi, ma ancora qualche timore. Dopo un primo inning inviolato, l’Australia si sblocca con due out al secondo inning. Il singolo di James Cooper, autore di una base rubata poco dopo, e la valida da un punto sotto il guanto del terza base Raimondi da parte di Matthew Levick provocano il primo colpo ai danni del partente azzurro Daniele Di Persia.

Gli azzurri, a secco nelle prime 10 riprese del torneo, reagiscono e, sotto le prime gocce di pioggia, costruiscono il loro primo punto. Di Persia apre con un singolo teso, Ruggeri appoggia un bunt che l’Australia difende male ma l’Italia incappa in due eliminazioni di fila. Dopo un lancio pazzo, è il singolo in campo opposto del nono del lineup Aldo Pavarani a pareggiare i conti.

Il braccio di ferro prosegue nella terza ripresa. Con un out, Di Persia perde il controllo della zona e regala due basi su ball consecutive. Poi, su conto di 0-2, Joshua Nati scarica un lungo doppio che schizza oltre le recinzioni dopo un rimbalzo. L’Italia corre ai ripari e con due corridori in posizione punto debutta nella rassegna mondiale Riccardo Mazzanti. Il pitcher nettunese fredda Thwaites al piatto poi ci pensa l’esterno sinistro Riccardo Baldisserri a neutralizzare la volata di Slapetta. Scongiurato il pericolo del big inning gli azzurrini prendono coraggio e sfruttano con cinismo le incertezze del lato sinistro della difesa australiana. Con un eliminato, Mazzanti arriva salvo su errore del terza base e ruba la seconda base. Raimondi vince lo sprint e arriva salvo in prima su una battuta verso il terza base, mentre Mazzanti avanza in terza, poi, dopo la rubata di Raimondi, Di Persia viene eliminato al piatto, ma il terzo strike schizza per terra e scappa via dal ricevitore, consentendo a Mazzanti di segnare il 2-2. Con un’altra battuta sul lato sinistro dell’infield per mano di Mattia Ruggeri, l’Italia capitalizza ed è 3-2.

Il tuffo in prima base di Filippo Sabatini (KS/FIBS)

Per la prima volta nel torneo, la formazione italiana vede i primi premi di un gioco più determinato. Mazzanti lancia una quarta ripresa da manuale con due strikeout. L’inerzia continua a remare dalla parte italiana nel quarto inning, mentre la pioggia inizia a cadere insistentemente. Filippo Sabatini apre con un bunt lungo la linea sinistra con cui arriva salvo in seconda su errore di tiro della difesa. L’Australia ottiene due out di fila, ma capitola in difesa. Prima un errore di tiro dell’interbase dopo aver ottenuto il secondo out poi Nicolò Baltieri batte una lenta rimbalzante e ottiene un infield single che vale il quarto punto. Seguono in successione un errore su pickoff, un balk e un tiro sbagliato del ricevitore in terza e Baltieri giunge a casa per il 5-2.

L’Australia torna a colpire nel quinto attacco, nuovamente con Joshua Nati, autore di un lungo fuoricampo da due punti. I gialloverdi portano anche il punto del pareggio in seconda base, ma il pinch-hitter Ballantyne viene eliminato al piatto. Nonostante le condizioni del campo superino il limite dell’impraticabilità e la visibilità scarseggi, l’Italia aggiunge un punto col cuore e la grinta. Dopo il secondo singolo di Di Persia e due lanci pazzi, Jordan Ariani, entrato come pinch-hitter nella sua prima apparizione al Mondiale, batte un singolo sull’interbase e regala all’Italia il punto della sicurezza.

Il sesto inning è il più lungo ed estenuante, ma non per il gioco, bensì per le condizioni atmosferiche.  Dopo due out di fila, la partita viene fermata dai commissari di gara prima per oscurità poi per pioggia. Iniziano 90 minuti di permanenza nel dugout in attesa di notizie. Dopo uno sforzo encomiabile dei volontari del luogo per risistemare il ampo, la partita riparte dopo 90 minuti di break e Mazzanti completa la pratica con il suo ottavo strikeout personale in 4 lanci.

Esplode la gioia fra i nostri azzurrini per una vittoria di carattere che porta fiducia e convinzione. Un altro tassello nella crescita dei ragazzi, che hanno dimostrato un rendimento in salita nelle prime tre giornate del Mondiale. Ora arrivano due impegni di lusso. Lunedì 29 luglio alle ore 14 locali (ore 8 in Italia, con live streaming sul canale YouTube WBSC e su gametime.sport) l’Italia affronta gli Stati Uniti, feriti dalla sconfitta col Venezuela e fermi nella giornata di domenica a causa del rinvio per pioggia della partita contro la Corea del Sud.

TABELLINO

da Tainan (Taiwan), Kevin Senatore

TUTTO SUL MONDIALE U12 

INTERVISTA A MARCO BORTOLOTTI (su Instagram TV)

PHOTOGALLERY