Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

Cortese: “Non c’è altro posto in cui vorremmo essere in questo momento”

Mancano poche ore al play ball del Campionato Europeo U18 di Grosseto, con l’Italia di John Cortese che, archiviato il caloroso benvenuto della città, si appresta ad affrontare la selezione Old World Baseball, un bel travel team di universitari americani (da Ohio, New York, Maryland, Illinois, California, Florida, New Jersey, Washington, Texas e Washington DC) messo insieme dal manager della Germania, Tom Gillespie, sparring partner d’eccezione per diverse formazioni già arrivate nel capoluogo maremmano. Appuntamento stasera, alle 20:00 allo Jannella, come parte integrante delle tante attività collaterali messe insieme dal Comitato Organizzatore per questa manifestazione continentale.

Quindi, domenica sera la cerimonia d’apertura in Piazza Dante, cuore della città, con tutte le formazioni in parata e, finalmente, lunedì si gioca, con gli azzurri attesi all'esordio contro la Lituania, ancora nello splendido stadio principale alle 20:00.

Come vive il manager azzurro John Cortese questi momenti? “Sono felicissimo di essere qui” ammette il Cobra, sempre sotto i riflettori della stampa locale in questi giorni “Questa città e questo diamante sono per me fonte di bellissimi ricordi. E non solo per me, lo staff è composto da grandi giocatori d’esperienza internazionale, molti dei quali sono nella storia della grande tradizione di baseball di Grosseto: Cretis, Costa, Cappuccini trovano qui una casa vincente e accogliente.”

Come sta la squadra? “Molti di questi ragazzi hanno iniziato a lavorare per questo Europeo due anni fa. Siamo passati attraverso una bellissima esperienza al Mondiale in Canada lo scorso anno, ma sapevamo che il nostro obiettivo principale è qui. Non ci siamo mai fermati, da Thunder Bay a Praga la scorsa settimana abbiamo condotto benissimo il programma di lavoro che ci eravamo prefissi. Dal punto di vista tecnico sono estremamente fiducioso: il nostro obiettivo è quello di trasmettere ai ragazzi la consapevolezza della loro forza e la serenità per esprimerla al 100%.

Vogliamo che possano rivivere e godersi qui, davanti a questo pubblico, le grandi emozioni positive che abbiamo vissuto noi. Non saprei immaginare un altro posto dove vorrei essere in questo momento, con questa squadra e questo obiettivo davanti.”

CALENDARIO DELL'EUROPEO U18 BASEBALL

È fatta l’Italia per l’Europeo U18 di Grosseto

di Marco Landi