Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

“A Messina struttura e organizzazione di primo livello” parola di ‘Gibo’ Gerali

A margine della conferenza stampa che celebra il ritorno degli azzurri sull’isola, abbiamo rivolta alcune domande sulle prime impressioni del CT della Nazionale di baseball Gilberto Gerali, al terzo giorno di Italia Spring Training a Messina.

Come hai trovato i tuoi giocatori, innanzitutto? “Sono arrivati, direi nella quasi totalità, pronti e preparati per affrontare due settimane di lavoro intenso. Logicamente l'attività svolta fino ad ora dai ragazzi è stata in strutture indoor, per cui le partite che andremo ad affrontare costituiranno per loro la prima vera occasione ‘live’ quest’anno.”

Su cosa state concentrando il lavoro in questa prima fase? “Il lavoro è focalizzato sul raggiungimento di una condizione fisica ottimale e devo dire che tutti indistintamente stanno rispondendo alla grande alle sollecitazioni di Gianni Natale; poi è scontato dire che si sta lavorando alacremente per riacquistare velocemente la proprietà dei gesti tecnici di difesa e attacco. È un gruppo talentuoso, che segue le indicazioni e ha una gran voglia di crescere: l'obiettivo di Tokyo è uno stimolo enorme.”

Come proseguirà il programma per gli azzurri? “Saranno due settimane fotocopia, dove alterneremo tre giorni di doppie sedute di allenamento a tre giorni di partite: cambierà solo l'avversario, così dopo la Germania ospiteremo e affronteremo la Repubblica Ceca.”

Si tratta del primo appuntamento in Sicilia, ma da quanto sentito e visto con la U18 la struttura e l’organizzazione sono più che rodate, confermi questa impressione? “Abbiamo trovato una struttura polivalente e funzionale di primo livello e soprattutto persone che si adoperano per far sì che questo primo raduno della Nazionale in terra siciliana si svolga senza intoppi di alcun genere. 

Gente speciale che merita un plauso per gli sforzi profusi, ma sono certo che questo sia solo il primo passo verso collaborazioni più frequenti e vincenti.”

intervista di Marco Landi

L’Italia Spring Training entra nel vivo: presentate le partite della Nazionale con Germania e Ceca