Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

Roberto De Franceschi analizza la sua Italia U15 e pensa al domani; Di Monte miglior battitore

Registrata la vittoria finale della solidissima Germania, 4-2 all’Olanda, che si concede il bis nel Campionato Europeo Baseball U15, e il bronzo conquistato dalla Repubblica Ceca contro la Francia, si possono celebrare ufficialmente sia Daniele Di Monte come miglior battitore della competizione, dall’alto del suo .769 (10 su 13 con 5 doppi), ma anche in virtù degli 11 RBI e del fuoricampo che, seppure in coabitazione con altri, gli assegnano la tripla corona, sia l’ottima prova sul monte di Tomas Canuti, 2 vinte-0 perse, e 1.75 di ERA in 8.0 riprese lanciate.

È tempo di analisi, per lo staff e per Roberto De Franceschi, di un risultato che non è certamente soddisfacente dal punto di vista della classifica finale: “Alla luce di quanto si è visto in campo” dichiara il manager azzurro “la graduatoria finale dice molto. È chiaro che quando si partecipa a una manifestazione, lo si fa per ottenere il massimo risultato e, devo dire, sono arrivate in fondo le squadre che, come collettivo, sono state preparate proprio per puntare al risultato concreto. Noi ci siamo riaffacciati quasi a sorpresa all’Europa, in questa categoria, dopo diversi anni di assenza, nei quali parecchie cose sono cambiate. La Francia, per esempio, era un vero punto interrogativo, e si è dimostrata capace di un gioco molto ben organizzato, così come la Spagna e ovviamente la Germania stessa, oltre alle prevedibili Olanda e Ceca. Come staff Daniele Di Monte, perfetto cleanup contro la Spagna (ML Oldman)apprezziamo moltissimo lo sforzo della Federazione: questi ragazzi sono insieme da un mese, ma è logico che serve anche un lavoro di programmazione a medio e lungo termine per costruire e svolgere un programma solido.”

I dati statistici collocano l’Italia molto più in alto del quinto posto. “Dal punto di vista fisico e della tecnica individuale, non ci sono dubbi, i nostri sono senz’altro più avanti, come singoli giocatori. Pensavo che la nostra forza potesse essere l’attacco e abbiamo girato e toccato bene; la difesa mi ha piacevolmente sorpreso, anche se abbiamo concentrato gli errori nella partita più importante, con la Germania. Dal monte, devo dire, mi sarei aspettato una maggiore concretezza; a parte qualche eccellenza abbiamo avuto troppi alti e bassi.”

Quali indicazioni vengono per il domani? “La prima è quella di iniziare a lavorare da subito sul territorio, per avere valutazioni oggettive sui ragazzi già durante l’inverno e le idee chiare per costruire il programma sul singolo atleta interessante, non più su 100, ma su un gruppo più ristretto di ragazzi. Questo Europeo è stato un test che ci fa capire che c’è molto La Germania festeggia l'oro all'Europeo Baseball U15 2017 (@nutvillephotography)da lavorare a livello di determinazione e di senso di appartenenza alla squadra, per trarre confidenza l’uno dall’altro. Ripeto: a livello individuale i nostri erano quasi i soli a richiamare l’attenzione del gruppo degli scout, ma ci è mancata l’abitudine a giocare insieme. Le squadre che hanno avuto maggior successo sono quelle che si vedeva che si stavano divertendo, giocando allegri e in scioltezza. Ecco: la serenità ha fatto la differenza in questo torneo. Penso che noi dobbiamo preparare le squadre nazionali per vincere il più possibile, il che non è incompatibile con lo sviluppo del singolo, ma deve però essere integrato nella costruzione della squadra ed eventualmente con la possibile ‘firma’.”

RISULTATI, CLASSIFICHE E STATISTICHE

La statistica non condanna gli azzurri

Gli azzurri si aggiudicano il quinto posto con una vittoria prima del limite

di Marco Landi