Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

Italia rullo compressore, battuta prima del limite anche la Russia

E' un'Italia indomabile, troppe forte anche per la Russia che si inchina alla potenza dei ragazzi di Burato in 4 riprese (15-0). Un'altra partita senza storia dove le mazze azzurre non perdonano nulla ai lanciatori avversari e dopo una partenza timida, dove comunque arriva l'immediato vantaggio, si scatenano tra secondo e terzo inning mettendo in cassaforte la terza vittoria dell'Europeo, la terza per manifesta e la terza senza subire punti.

L'Italia che si ammira a questo Europeo non è solo potenza nel box, che comunque non manca mai perché anche oggi contro la Russia sono arrivati 2 doppi, un triplo ed un fuoricampo, firmato da Nicola Spagnolo, ma precisione e concentrazione in difesa, dove nelle occasioni in cui è chiamata in causa mostra sicurezza, e controllo in pedana. Il partene azzurro Jacopo Felluga concede solo una valida interna e riesce a chiudere le 2 riprese in cui resta sul monte con meno di 30 lanci e 3 strikeout, il 'closer' Pietro Gori entra in una situazione delicata, con 2 corridori in base senza eliminati, e chiude la partita con 3 out di fila grazie anche all'aiuto della difesa.

Dopo il giorno di sosta, l'Italia si ripresenta in campo con la stessa voglia mostrata nelle prime due uscite e alla prima occasione si porta in vantaggio con Wong che, in prima su scelta difesa, corre fino a casa quando Gonzato piazza la palla all'esterno centro. Le mazze azzurre sembrano meno brillanti perché nella prima ripresa non affondano bene il colpo, ma è solo un'impressione perché già nel secondo attacco 'piovono' valide e punti. Con le basi cariche Taschin tocca un insidioso doppio a Taschin si allunga in difesa per provare l'out in prima (2f-Oldman)sinistra che svuota i sacchetti, anche meglio fa Spagnolo che 'spara' un line drive tra esterno centro e sinistro per il fuoricampo da 2 punti che vale il 6-0.

Messa la partita in discesa, gli azzurrini non si fermano e, come già successo nelle precedenti partite, arriva la ripresa da 11 battitori nel box con 6 valide, triplo per uno Spagnolo che chiude a 2 su 2 con 5 punti battuti a casa, e 7 volte il giro completo delle basi (13-0). La quarta ed ultima ripresa della partita serve per siglare i 2 punti che aprono la via della manifesta nonostante la Russia provi a infrangere il record dell'Italia di non subire segnature. Con 2 corridori in base su ball, lo staff azzurro decide di affidarsi a Gori, dopo comunque un discreto rilievo di Giangrande, per fermare la corsa dei Russi. Il numero 17 azzurro prima raccoglie ed assiste in terza per il primo out, poi piazza lo strikeout ed infine fa battere sull'interbase Gerali, subentrato a Wong, per l'eliminazione in prima che mette la parola fine sulla partita.

Per il cammino azzurro sarà decisiva la partita di domani, venerdì 14 luglio, contro la Repubblica Ceca dove le due squadre imbattute del girone si giocheranno l'accesso alla finale per il titolo europeo.

IL TABELLINO

RISULTATI, CLASSIFICHE E STATISTICHE

LA PHOTOGALLERY DELL'ITALIA

Italia a valanga sull'Ucraina: seconda vittoria per manifesta

Esordio sul velluto per l'Italia all'Europeo U12