Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

Gli Indians ingaggiano Colabello, i Red Sox rilasciano Clemente

Il futuro di Chris Colabello sarà con la franchigia dei Cleveland Indians. Il giocatore italo-americano, classe 1983, ha infatti firmato un contratto per la Minor League con invito al prossimo Spring Training di Major con la formazione dello stato dell’Ohio, arrivata alle World Series nel 2016. Nel caso in cui Colabello non dovesse far parte della rosa dei 25 giocatori degli Indians entro l’1 giugno, il giocatore può uscire dal contratto.

''Sono consapevole di poter aiutare il mio team a vincere’’ ha dichiarato il battitore in un’intervista rilasciata al sito Telegram.com. ''Tutto quello che posso fare è lavorare duro ogni giorno per diventare un miglior giocatore e per rendere la mia squadra ancora più forte’’ ha poi continuato.

Dopo aver debuttato in Major League nel 2013 con i Minnesota Twins, Colabello è stato uno dei protagonisti della stagione 2015 dei Toronto Blue Jays, terminata con una media battuta di .321, 15 fuoricampo e 54 punti battuti a casa in 101 partite di regular season. Ai playoff, il giocatore italo-americano ha poi disputato 10 gare su 11 titolare in prima base, colpendo anche l’home run decisivo per la vittoria nella quinta partita della finale dell’American League contro i Kansas City Royals. Se il 2015 ha dato grandi gioie, il 2016 è stato invece un anno da dimenticare per Colabello. È infatti apparso in sole 10 sfide di Major League, prima di essere squalificato per 80 partite a causa di una positività a un controllo anti-doping. Dopo aver scontato il lungo stop, è tornato in campo in Triplo A con i Buffalo Bisons, chiudendo con unanonima media battuta di .180 in 40 incontri.

''Ho amato la squadra e la città. Si tratta di una franchigia di primo piano e auguro a loro il meglio’’ ha commentato il giocatore. ''Il baseball è un business, lo capisco. Hanno preso la loro decisione ed era tempo per me di andare avanti e iniziare una nuova avventura’’Clemente sul monte di lancio durante il Mondiale Under 18 (ML-Oldman).JPG.

Per Colabello, grande interprete con la divisa dell’Italia all’ultimo World Baseball Classic, terminato con un complessivo 5 su 18 per 2 fuoricampo e 7 punti battuti a casa, questo nuova avventura si chiama Cleveland Indians, squadra nella quale, almeno per lo Spring Training, avrà modo di lavorare con Terry Francona, uno dei suoi manager preferiti sin dai tempi dei Boston Red Sox.

''Sono sempre stato un fan di Tito’’ ha infatti rivelato il giocatore. ''Adoro il modo in cui fa il suo lavoro. Apprezzo la sua passione per il gioco. Ho sempre pensato che sarebbe stato meraviglioso poter giocare per lui un giorno’’.

Non arrivano però solo buone notizie dagli USA. Nella giornata di martedì 27 dicembre, infatti, i Boston Red Sox hanno rilasciato Nicolò Clemente, lanciatore emiliano che era stato ingaggiato nell’estate del 2014. Il pitcher italiano, che ha militato in Rookie League negli ultimi 2 anni, ha chiuso il 2016 con un record di una vittoria, zero sconfitte e una media di punti guadagnati pari a 11.72 in 17.2 riprese lanciate nella Gulf Coast League.

di Daniele Mattioli