Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

Una delegazione della città giapponese di Sendai ha visitato la FIBS a Roma

Una delegazione della città di Sendai (Giappone), composta dal Direttore Generale Kiyonobu Terada, dal Direttore del Dipartimento Cultura e Sport Fumitaka Iwama e dal Dirigente Tetsu Nakamura (che, per la cronaca, si è detto tifoso personale dell'azzurro Valentino Pascucci), ha visitato giovedì 28 gennaio gli uffici della Federazione in viale Tiziano a Roma. Il gruppo era guidato dall'interprete Antonio Barrilà.

La copertina della brochure di documentazione consegnata dagli ospitiLa delegazione è stata preceduta da una lettera del Sindaco di Sendai Emiko Okuiama, che si rivolgeva al Presidente FIBS Riccardo Fraccari per consigliare la sua città come sede di un eventuale ritiro della nazionale di softball in vista delle Olimpiadi del 2020.
A Roma i delegati nipponici hanno illustrato al Segretario Generale della FIBS Giampiero Curti il concetto di Tokyo come città organizzatrice dei Giochi così come lo ha sviluppato il Governo giapponese, ovvero al fine di favorire la collaborazione tra gli enti locali del paese e di favorire l'interazione con le organizzazioni sportive dei paesi partecipanti alle Olimpiadi.
Il piano si articola lungo 6 anni, a partire dalla chiusura delle Olimpiadi di Rio de Janeiro. Come già ricordato alla recente Coach Convention, il 2016 rappresenta l'anniversario numero 150 dell'inizio dei rapporti diplomatici tra Italia e Giappone.
Uno degli eventi principali sarà un simposio sul tema delle relazioni tra Sendai e l'Italia. Ma al centro della discussione ci sono stati programmi di scambio, che coinvolgerebbero l'attività delle nostre nazionali, da concretizzarsi entro il 2019.Un ritratto d'epoca di Hasekura Tsunenaga

I rapporti tra Sendai e Roma risalgono al 1615. All'epoca Date Masamune, signore feudale a Sendai, mandò il suo vassallo Hasekura Tsunenaga a incontrare Papa Paolo Quinto. Nel novembre del 1615 il Pontefice nominò Tsunenaga cittadino di Roma.
Molto più recentemente, nell'ottobre del 2001, la Provincia di Roma e la Prefettura di Miyagi (dove ha sede Sendai) hanno stretto un patto di gemellaggio.

Con il Segretario Curti hanno partecipato all'incontro in rappresentanza del settore nazionali Marina Lalli (baseball) e Simona Campanelli (softball).

La foto di copertina immortala l'incontro di Roma