Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

Dal Texas con entusiasmo

Il CNT (Comitato Nazionale Tecnici) ha appena concluso quella che il Presidente Domenico Micheli definisce: "Una delle esperienze più formative e senza dubbio più rivoluzionarie  alle quali una nostra delegazione abbia mai partecipato".
Micheli e il membro CNT Ennio Paganelli hanno accompagnato 7 tecnici che hanno ottenuto nel novembre del 2014 la qualifica di Pitching Coach di baseball a uno stage, iniziato lunedì 16 e conclusosi lunedì 23 novembre, presso il Texas Baseball Ranch di Ron Wolforth a Montgomery.

I tecnici sono Mario Benetti, Stefano Bolzoni, Francesco Cavazzini, Lisandro Corba, Marco Lazzarini, Alessandro Rosa Colombo e Ennio Sari.
Spiega Micheli: "Hanno potuto assistere ed interagire ogni giorno con le modalità che Wolforth, coadiuvato da tecnici di altissimo livello come Flint Wallace, Ed Sullivan e Brent Strom (Pitching Coach degli Houston Astros), applica ai giovani a partire dai 12 anni a salire per trasformare l’atleta, in primis, in un prolifico tiratore, come da lui stesso definito, passaggio essenziale per tutti i ruoli. Soltanto successivamente l'atleta può diventare lanciatore".
Continua Micheli: "L’approccio è stato decisamente sorprendente e ha generato molto interesse. Inizialmente c'è stata anche qualche perplessità, ad esempio nel constatare una intensità e un carico di lavoro sul braccio mai visti prima. Con il trascorrere dei giorni, i risultati hanno confermato la qualità e concretezza di quanto proposto, superando consolidate convinzioni o protocolli.
Abbiamo potuto vedere atleti che, dopo pochi mesi di una accurata messa a punto della meccanica e un maniacale conditioning di tutto il corpo, riuscivano a fare una media di 200-250 tiri ogni giorno, sempre e solo eseguiti al 100%, superando, nella misurazione radar, la fatidica soglia delle 90 miglia! Il tutto senza accusare il minimo dolore o segno di stanchezza, giorno dopo giorno.  Impressionante e stravolgente, rispetto a quanto sino ad oggi ritenuto il buon senso generale". 

I tecnici italiani al lavoro in palestraIl segreto è il total conditioning di tutto il corpo, mirato alla specificità delle nostre discipline. La meccanica di tiro insegnata coinvolge efficacemente la parte inferiore del corpo. Concentrando puntualmente il tutto su gambe, tronco e colonna vertebrale, viene sgravato il braccio dai considerevoli carichi di lavoro proposti e pertanto si evitano le infiammazioni delle cosiddette parti molli, come tendini e legamenti.
"Durante la prossima Convention saranno proiettati alcuni filmati significativi" annuncia Micheli "E sinteticamente descritti gli aspetti più innovativi di questo rivoluzionario metodo di lavoro. Il CNT, dopo questa fantastica esperienza, ha già iniziato a mettere a punto un progetto per rendere fruibile a tutti i tecnici italiani di baseball e softball questi protocolli, al fine di migliorare la qualità di tutti i giocatori e non solo dei lanciatori. Questo è un progetto che, se sostenuto dai numeri dei tecnici partecipanti, giustificherebbe la presenza di Wolforth e del suo staff per riproporre il tutto in Italia entro la prossima stagione".

Sulla sua pagina internet il Texas Baseball Ranch dichiara senza mezzi termini di essere: "Leader mondiale nella verifica oggettiva dell'allenamento dei lanciatori. Ogni giorno trasformiamo la vita di giovani di tutto il mondo, rifiutandoci di mettere un atleta in un contenitore e rifiutando le etichette tradizionali...".

Il sito dà anche conto in un articolo della visita degli Italians, che è iniziata con un'immancabile sosta a San Antonio e ai luoghi della celebre  battaglia di Alamo. Dal pezzo traspare l'ammirazione verso tecnici che intendono proporre il massimo della istruzione possibile agli atleti anche in paesi (come il nostro) dove il baseball non è certo lo sport più ricco.

In copertina: foto di gruppo per la delegazione CNT in Texas