Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

Facciamo il punto sull'attività formativa del CNT

di Riccardo Schiroli

"Posso dire che ho le idee più chiare e che l'attività formativa si è stabilizzata. Stiamo lavorando con un gruppo di formatori che ci permette di portare sul territorio lo stesso modello di corso e questo è molto importante".
Incontriamo Domenico Micheli, per tutti Mimmo, presso la sede FIBS di viale Tiziano a Roma. Il Presidente del Comitato Nazionale Tecnici (CNT) è pronto a commentare la corposa attività che i suoi formatori hanno svolto in autunno e inverno.

"Il corso per Tecnico di Base è stato un successo, visto che ha coinvolto oltre 200 aspiranti coach in Emilia Romagna, Veneto, Lombardia, Piemonte, Liguria, Friuli Venezia Giulia e Toscana. Abbiamo distribuito ai partecipanti dei questionari e le risposte ci dicono che stiamo andando nella direzione giusta".
Ne abbiamo già parlato, ma non sarà male tornare a sottolineare le novità rispetto al passato: "La vera novità è che chi lo frequenta non sostiene un esame finale, ma una serie di colloqui, di verifiche" Micheli insiste sul termine roleplay "Nei quali gli vengono illustrate dai formatori le carenze su cui deve lavorare".
Questo di solito avviene in autunno, dopo il completamento del terzo e quarto modulo: "Prima ci sono i 2 moduli di primavera, durante i quali i tecnici si preparano al tirocinio".
Che è un'altra novità rilevante: "Dopo aver frequentato i 2 moduli tornano presso il club e lavorano con un manager. Quest'ultimo compila a fine stagione un report di tirocinio, che è la base della discussione con i formatori di cui dicevamo prima".
Il Tecnico di Base non è ancora un manager: "Lo può essere in Serie C, ma la sua formazione non è ancora approfondita dal punto di vista strettamente tecnico. Per questo c'è il corso da Istruttore. L'ideale sarebbe che chi ottiene la qualifica di Tecnico di Base frequentasse subito il corso da Istruttore".

Se Diego Azzolini è il referente per il corso per Tecnico di Base, Giulio Montanini è a sua volta il Da sinistra: Diego Azzolini, Angelo Fanara e Giulio Montanini al corso per Istruttori di Tirreniapunto di riferimento del corso per Istruttori. Questa seconda tappa del processo di formazione prevede un esame finale: "E' così. Ottenere la qualifica di istruttore è un passaggio davvero vitale della carriera di un tecnico. Quando nel 2017 verranno ridefiniti i livelli, i manager delle categorie giovanili dovranno avere questa qualifica".
Abbiamo accennato ai corsi per pitching coach: "Vorrei ricordare che i corsi per pitching coach sono stati preparati dal corso sul tiro, al quale hanno partecipato oltre 500 tecnici. Il bilancio è buono: per il corso da pitching coach baseball abbiamo già tenuto gli esami, mentre per la prova finale della stessa qualifica nel softball abbiamo 31 tecnici iscritti".
Parlando degli esami, una valutazione che prevede bocciatura o promozione è sempre delicata: "La Commissione fa una valutazione sul grado di preparazione di chi si presenta a un esame. Ma è evidente che il CNT non vuole fare nessun sfoggio di particolare severità. Tra i nostri compiti c'è anche quello di non tradire la passione dei tecnici".

Per Micheli l'occasione di questa intervista è utile anche per qualche ringraziamento: "Tra Direttivo, gruppo di formatori e Delegazioni Regionali, al lavoro per il CNT ci sono al momento 64 persone. Bisogna ringraziarle tutte, per l'impegno e la competenza che esprimono".
In conclusione, possiamo anticipare qualcosa per il futuro? "Nel futuro immediato, vogliamo lavorare con gli arbitri. Il rapporto tra allenatori e direttori di gara è fondamentale: dobbiamo crescere assieme".
A livello di corsi? "Nel 2016 dovrebbe partire il corso per Allenatore, l'ultimo gradino della proposta formativa".
Insomma, il modo di formare i tecnici è in costante evoluzione: "Decisamente. Adesso stiamo anche lavorando su una proposta di formazione a distanza. L'e-learning può essere una soluzione eccellente anche per limitare le spese di chi intende tenersi aggiornato".

Nella foto di copertina: un momento del corso per Tecnico di Base di Genova