Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

Olimpiadi: da Montecarlo buone notizie per baseball e softball

di Riccardo Schiroli

La Session numero 127 del CIO (Comitato Olimpico Internazionale) ha approvato lunedì 8 dicembre
le 3 delle 40 raccomandazioni di Agenda 2020 che più interessavano il baseball e il softball. Si tratta della raccomandazione 9 sulla struttura del programma, la 10 sul passaggio da un programma basato sul numero di sport a un programma basato sul numero di eventi e la 11 sull'obiettivo di avere il 50% di partecipanti di sesso femminile. Tutte e 3 le raccomandazioni sono state approvate all'unanimità.

L'italiano Franco Carraro, a capo della Commissione Programma, ha illustrato i cambiamenti.
La raccomandazione numero 9 fissa la struttura del programma delle Olimpiadi estive con limitazioni al numero di atleti (10.500) di coach e altro personale (5.000) e soprattutto il numero di eventi: 310. A Londra gli eventi furono 302.
Da un programma basato sul numero di sport (28) si passerà a un programma basato su un numero di eventi. Nella sostanza: il numero di medaglie d'oro che verranno assegnate.
La raccomandazione numero 10 è la chiave: gli sport per il momento restano 28 e le modifiche andrebbero fatte entro 7 anni dall'edizione dei Giochi. Però la città organizzatrice può proporre sport extra, a patto che abbia un piano economico e finanziario per sostenere il cambiamento. La definitiva approvazione spetta al CIO, entro 3 anni dalla disputa dei Giochi. L'ingresso di un nuovo sport nel programma non ne comporterà l'uscita di un altro, come accadeva in passato.
La raccomandazione numero 11 riguarda l'obiettivo di far crescere il numero di partecipanti di sesso femminile dal già rispettabile 44% dei Giochi di Londra al 50%.

Thomas Bach, Presidente CIODopo l'esaustiva presentazione di Carraro, ci sono state diverse domande sul funzionamento di queste novità. Qualche perplessità è stata espressa sulla possibilità di contenere il numero di atleti partecipanti in 10.500 e Carraro ha risposto che è dalle Olimpiadi di Atlanta che questo numero "non cresce".
Il Presidente del CIO Thomas Bach ha per altro aggiunto che non è escluso che il numero di 10.500 atleti possa essere superato, "in casi particolari".
Carraro ha poi chiarito che benchè la durata dei Giochi resti fissata in 16 giorni, sarà possibile prevedere che alcuni tornei inizino prima della Cerimonia di Apertura, a patto che non ci siano atleti eliminati prima dell'inizio ufficiale delle Olimpiadi.
Nella sostanza, flessibilità sembra essere la nuova parola d'ordine. Anche se Carraro ammonisce: "Non vogliamo certamente avere Olimpiadi talmente grandi da rendere difficile organizzarle".

Per il futuro olimpico di baseball e softball, in particolare l'inclusione nel programma dei Giochi 2020, è stato compiuto un notevole passo avanti, ma non c'è ancora nulla di certo.
Da parte sua, la World Baseball Softball Confederation (WBSC) ha commentato con un certo tempismo attraverso un comunicato stampa: "Abbracciamo in pieno la visione del CIO".
Dice il Presidente Riccardo Fraccari: "Aspettiamo le direttive di CIO e Comitato Organizzatore di Tokyo per vedere come le riforme possano coinvolgere baseball e softball".

Nella foto di copertina (Ian Jones-CIO): l'apertura della Session 127 del CIO a Montecarlo