Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

A 'Glorioso, Perché il Baseball' la Mention d'Honneur a Sport Movies & TV 2013

da Milano, Marco Landi

Con una cerimonia ricchissima di volti ed emozioni, tenuta nella splendida struttura dell'Auditorium della Regione Lombardia, si è chiusa domenica 8 dicembre la trentunesima edizione di Sport Movies & TV, finale milanese del festival del cinema e della televisione sportivi organizzato dalla FICTS (Federation Internationale Cinema Television Sportifs), un campionato mondiale per lo sport raccontato attraverso le immagini.

Delle 1500 produzioni che hanno partecipato alle 14 fasi del World FICTS Challenge 2013, 150 sono state selezionate per Milano, suddivise in 7 categorie competitive e di queste 6 per ciascuna categoria sono state scelte per i riconoscimenti ufficiali: 5 Mention d'Honneur e 1 Guirlande d'Honneur per categoria, più alcuni premi speciali, fra i quali quello della critica, intestato a Bruno Beneck.

Con il documentario Glorioso, Perché il Baseball, la FIBS (unica federazione sportiva a livello mondiale a partecipare direttamente) e il Comune di Roma-Ufficio Sport, in veste di co-produttori, hanno indirettamente conquistato la Mention d'Honneur nella categoria Documentary/Grandi Campioni, grazie al lavoro del regista Andrea Rusich, presente insieme al protagonista 'in borghese' della pellicola, Alessandro Capponi, interprete del ruolo del dj radiofonico che fa da filo conduttore alla storia del film.

Il baseball è sempre molto presente al festival: Moneyball e Problemi con la Curva sono state le grandi produzioni premiate nelle ultime 2 edizioni e anche quest'anno, con lo spot pubblicitario The Duel, che fa La copertina del DVD del film "Glorioso, Perché il Baseball" (FIBS)rivivere la sfida lanciatore/battitore di un lancio con i registri del western e ha conquistato anch'esso la Mention d'Honneur,  la fiction intimista Hitting the Cycle, fuori concorso, nonché la celebrazione dei 70 anni di The Pride of the Yankees, la vita di Lou Gehrig interpretata da Gary Cooper, è stato certamente ben rappresentato.

Conquistare la menzione in un contesto internazionale di questo genere aggiunge valore all'opera di Rusich, che ci si augura possa essere solo il prologo di un lavoro più complesso e articolato sulla storia del nostro sport in Italia.

Nonostante gl'impegni comprensibilmente pressanti di questi giorni, Paolo Masini, oggi Assessore ai lavori pubblici del Comune di Roma, non ha voluto rinunciare a essere a fianco di Rusich per ribadire il suo personale impegno nei confronti dell'opera, raccogliendo l'applauso del pubblico quando, alla domanda del presentatore su a chi volesse dedicare il premio, ha risposto semplicemente "Allo sport pulito".

Alla medesima domanda, Andrea Rusich ha con sincera e naturale semplicità inviato la sua dedica proprio a Giulio Glorioso.

SPORT MOVIES & TV

Nella foto di copertina, da sinistra a destra, Paolo Massini, Andrea Rusich e Alessandro Capponi (ML/Oldmanagency)