Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

Corso Pitching Coach Baseball: le attività del primo weekend

Il primo weekend del Corso Pitching Coach Baseball ha visto a Tirrenia la presenza record di 65 partecipanti, fra tecnici e uditori.

Il Presidente Riccardo Fraccari ha accolto iscritti e relatori sottolineando l’importanza della formazione tecnica in particolare in un momento difficile per l’economia del paese che ha ovviamente pesanti ripercussioni anche sulle Società, che devono allocare le risorse in maniera oculatissima e proporre un’offerta sportiva di qualità.

Il Presidente del CNT Domenico Micheli, dopo una breve presentazione delle finalità di questo primo corso per la formazione del ruolo certificato di pitching coach, al quale faranno seguito altre iniziative simili per il softball e per la specializzazione dell’hitting coach, ha aperto i lavori dando il via alle relazioni dei vari ospiti.

In mattinata Doug Williams, al suo 20° anno alla guida dei Bulldogs del San Mateo College (California), ha trattato gli aspetti mentali legati al ruolo del lanciatore, mentre nel pomeriggio la Commissione Medica federale, con i dottori Gianfranco Beltrami, Alessandro Pierucci e Andrea Pellegrini, ha affrontato l’argomento spalla e gomito, con particolare attenzione alle diversificazioni legate all’età e allo sviluppo fisico dell’atleta.

Bill Holmberg ha sottolineato l’attenzione che i tecnici devono porre nel distribuire in modo appropriato i carichi di lavoro sui più giovani

Massimo Baldi, trainer della Nazionale Italiana, anche attraverso supporti audiovisivi, ha trattato le modalità più avanzate da utilizzare sia in fase di prevenzione che recupero da infortuni, un intervento che ha consentito ai presenti di apprendere o affinare aspetti e conoscenze che non sempre sono parte del bagaglio conoscitivo del tecnico, importantissime specie se impegnato nella delicata formazione di lanciatori.

Il sabato, interamente dedicato alla preparazione fisica in tutte le sue declinazioni, è stato condotto da Gianni Natale, preparatore della Nazionale Italiana e Daniele Santolupo, preparatore in Accademia dei prospetti: post season-off season-pre season-in season tutte le fasi approfondite dai relatori che hanno affascinato la platea.

L'intervento di Domenico Di Molfetta (CNT)A chiudere la giornata un ospite eccezionale, Domenico Di Molfetta, Responsabile nazionale del settore lanci per l’atletica leggera, già protagonista nel Clinic sul lancio nel 2006 e relatore alla Coach Convention di Riccione del 2007, il quale anche questa volta ha accolto l’invito della FIBS mettendo a disposizione l’enorme bagaglio tecnico che lo contraddistingue a livello nazionale. Il tutto esposto con la consueta carica di empatia che ha catalizzato l’attenzione dei presenti per oltre due ore.

Bill Holmberg, nella mattinata di domenica, ha chiuso questo primo weekend condividendo la sua grande esperienza internazionale affrontando gli aspetti più delicati legati alla strategia di lancio, alla gestione dello staff lanciatori, alla relazione ricevitore-lanciatore e al repertorio lanci.

Il corso si concluderà nell’ultimo fine settimana di novembre, quando i partecipanti potranno condividere anche un’esperienza pratica del lavoro svolto in Accademia partecipando attivamente all’attività nella giornata di venerdì.

LA PRESENTAZIONE DEL CORSO