Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

Stefano 7 Baseball Meeting 2013: ecco la festa di baseball e solidarietà per pediatria dell'Ospedale di Anzio-Nettuno

Il logo dell'eventoUltime ore di preparativi ad Anzio prima dello Stefano 7 Baseball Meeting 2013, seconda edizione dell’evento di sport, spettacolo e solidarietà che ricorda Stefano Pineschi, atleta prematuramente scomparso, e vuole lasciare un segno tangibile sul territorio.

Sabato 3 agosto si torna in campo al Reatini di Anzio in favore dei bambini del reparto di pediatria dell’ospedale di Anzio-Nettuno.

L’impegno è di quelli importanti: ci sono da acquistare un’incubatrice da trasporto, una fissa e uno shuttle pediatrico indispensabili per il reparto, ma che a causa dei noti ‘tagli’ al budget sanitario della Regione Lazio non è possibile ricevere dalla ASL, l’azienda sanitaria locale.

Il clou della giornata, che ha il patrocinio della FIBS – sarà la sfida tra due formazioni Old Star: Italia eIl sorriso di Stefano Pineschi Anzio-Nettuno.

Molti gli atleti che hanno deciso di accettare l’invito dell’organizzazione e schierarsi sul campo in favore dell’iniziativa: la Old Star Italia vanta, fra gli altri, il vice presidente federale Massimo Fochi, il manager della Nazionale Marco Mazzieri, Paolo Ceccaroli, Alessandro e Stefano Cappuccini, Damiano Galli, Paolo Minozzi, Alessandro Flisi, Luca Spadoni e Claudio Vecchi, manager Carlo Morville.

La Old Star Anzio Nettuno, guidata da Renato Bulfone, schiera Ruggero Bagialemani, Claudio Scerrato, Andrea Castrì, Vito Cultraro, Alberto D'Auria, Roberto De Franceschi, Claudio Donninelli, Pietro Cianfriglia, Franco Lo Fazio, Gianni e Diego Ricci, Mauro De Rossi, Mario Sangilbert e Roberto Rossi.

Una vera festa per gli appassionati della zona – e non solo –  che possono rivedere in diamante alcuni dei più importanti e amati atleti di questi primi 60 anni del batti-e-corri tricolore.

“Parliamo dei bambini, del nostro futuro – ricorda Daniele Leonardi, presidente del comitato organizzatoreLa maglia della Old Star Italia realizzata per l'occasione dell’evento – non credo ci sia da aggiungere molto, occorre solo impegnarsi per centrare anche quest'anno un obiettivo importante. L’appello che faccio, per sabato, è di rinunciare al mare per seguire il nostro evento e contribuire ad acquistare le attrezzature. Sarà un grande gesto. Grandissimo gesto che, voglio sottolineare, comincia con quello degli atleti. A tutti va il mio ringraziamento, in particolare a chi, in piena estate, si sobbarcherà questo viagio per scendere in campo a fin di bene. Sono certo che anche quest'anno centreremo un obiettivo importante."

La cifra da raggiungere è ragguardevole, 30.000 euro, ma “confidiamo sulla generosità dei tanti amici e degli sponsor, che già nel 2012 ci hanno aiutato, e soprattutto nell’aiuto di Stefano da lassù”.

 

COME CONTRIBUIRE

È possibile aiutare a raggiungere l’obiettivo devolvendo un contributo all’ingresso dello stadio Reatini di Anzio, dove sono disponibili anche le magliette celebrative dell'evento. Salvadanai sono posizionati in tutte le spiagge del territorio, inoltre sul gruppo facebook S7baseballmeeting (https://www.facebook.com/S7Baseballmeeting?fref=ts) ci sono i riferimenti per versamenti sul conto corrente.

 

IL PROGRAMMA DEL 3 AGOSTO

Dal mattino villaggio baseball con gabbia di battuta

Ore 15 partita di baseball giovanile

A seguire esibizione CSC Incontro Danza Reggae Jam

Ore 18 partita Old Star Italia – Old Star Anzio-Nettuno

Durante l'incontro esibizione Marwey Danza

A fine partita spettacolo etnico Marwey Danza e assegnazione maglia San Francisco Giants Campioni del mondo World Series 2012.

A seguire stand gastronomici

In copertina: Alberto D'Auria durante l'Old Star Game 2013 a Ronchi dei Legionari (Ezio Ratti/FIBS)