Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

Federico Castagnini: "Il futuro? Per ora, penso al presente"

di Riccardo Schiroli

Federico Castagnini sull'annuario del Creighton CollegeE' quasi giunta alla fine la regular season dei Blue Jays della Creighton University (di Omaha, Nebraska) nella prima divisione NCAA. La Missouri Valley Conference (meglio conosciuta come MVC o semplicemente The Valley) è composta da 10 scuole (tra private e pubbliche; nei paesi anglosassoni il termine public fa riferimento alla possibilità di accedere all'Università per tutti, non necessariamente indica un corso di studi meno costoso). E' la seconda più antica conference degli Stati Uniti, essendo stata fondata nel 1907.

Se date un'occhiata alla formazione titolare dei Blue Jays, noterete in terza base un nome familiare, quello di Federico Castagnini.
Classe 1991, nato a Verona, Federico si è trasferito negli Stati Uniti nel 2008, dopo aver giocato il Mondiale Juniores con la nazionale italiana a Edmonton (Canada). Brillante con la Skyline High School, stellare (lo dice la sua biografia sul sito dei Blue Jays) con il Junior College BartonEd Servais (First Team All Conference e All America Honorable Mention nel 2012), da quest'anno gioca per Creighton. E anche al livello più alto si sta facendo rispettare: media battuta .317 (1 fuoricampo e 27 punti battuti a casa) in 42 partite, tutte giocate dall'inizio, e solo 7 errori in difesa.

"Lo faccio battere secondo" spiega il manager Ed Servais "Mi piace averlo in quella posizione del line up perchè ha un buon controllo della mazza: sa fare bunt, sa battere dietro i corridori. In poche parole, è capace di mettere in pratica le giocate che chiedo".
Castagnini nasce per la verità come interbase: "Federico è stato un giocatore importante per noi fin dall'inizio della preparazione in agosto" conferma Servais "So che ha giocato interbase prima di arrivare qui, ma avevamo un interbase titolare ed è stato chiaro fin dall'inizio che avrebbe giocato in terza. Per altro, si è adattato velocemente al ruolo e sta giocando a un livello piuttosto alto. Per noi ha fatto un grande lavoro sul campo, sia in battuta che in difesa, ma devo anche sottolineare che si è rivelato un uomo squadra, una caratteristica che riteniamo molto importante, per glia atleti che inseriamo nel nostro programma".
Creighton d'altra parte viaggia nei quartieri alti della classifica. Ha un record di 30 vittorie e 16 sconfitte e nella classifica della conference si trova terza (13-8), dietro a Illinois State (16-5) e Wichita State (15-6).

Castagnini difende il cuscino di seconda"Sto giocando in terza perchè avevamo bisogno in quella posizione" spiega senza mezzi termini Federico Castagnini attraverso una e-mail "Ma credo di poter giocare in tutte le posizioni del diamante, compresa seconda e interbase".
Stai pensando al draft? "Non ho ricevuto chiamate o lettere da parte di squadre professionistiche, quindi non ho idea se potrò essere scelto. Ma non si sa mai...".
Pensi di poter essere scelto come terza base? "L'unico problema del ruolo di terza base è che è richiesta potenza in battuta. Io non sono un power hitter, al momento, quindi mi vedo più come seconda base o interbase".

Coach Servais esprime un concetto abbastanza simile, sulle possibilità future di Castagnini: "Per arrivare al livello successivo, Federico deve crescere fisicamente. I professionisti lo sceglieranno se vedranno in lui un po' di potenza in battuta".

Dopo la fine della stagione di College Federico continuerà a giocare a baseball negli Stati Uniti: "Sì,Il logo dei Greenbay Bullfrogs giocherò per i Greenbay Bullfrogs, nella Nortwoods League".
La squadra di Greenbay (Wisconsin) è inserita in una delle oltre 50 Summer Leagues attualmente riconosciute. Si tratta di campionati semi professionistici, molti utilizzano mazze in legno, ai quali sono autorizzati a partecipare i giocatori di College. Delle 3 organizzazioni principali (National Alliance of College Summer Baseball, National Amateur Baseball Federation e National Baseball Congress) fanno parte 27 Leghe. Poi ce ne sono altre 24 indipendenti, tra cui la Northwoods League, che è composta da 16 squadre, divise in 2 gironi.

Anche se sottolinea: "Per ora non sto pensando al futuro, ma solo al presente", chiediamo a Federico Castagnini di parlarci dei suoi piani per i prossimi anni.
"Ho 2 priorità: laurearmi" a Creighton Castagnini studia Business "E vedere dove mi porta il baseball".
L'impressione è che, comunque, il Vecchio Gioco sia la...priorità delle priorità: "Non ho intenzione di smettere, quindi in questi 2 ultimi anni che mi rimangono in College darò il massimo, con l'obiettivo di essere scelto nel draft. Se non succede, allora penserò a un piano B....".