Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

Mondiale 15U: l'Italia si fa raggiungere e superare, poi dilaga contro la Germania

da Parral, Marco Landi

L’Italia 15U sconfigge pesantemente la Germania nel Mondiale di categoria a Parral, Messico, alla fine di una partita molto bella fino al settimo, inning nel quale i tedeschi erano riusciti a ribaltare il vantaggio 3-2 accumulato fin lì dagli azzurri. Dopo la paura, la nazionale di Dimes Gamberini va a segno 13 volte fra ottavo e nono, per una vittoria, alla fine netta, per 16-6, con 8 errori della difesa avversaria.

Subito avanti gli azzurri al primo inning, con Gasparini che batte valido a destra, ruba la seconda e arriva salvo in terza sull’errore di tiro del catcher Heimler, la battuta sull’interbase di Cestarelli fa segnare al compagno lo 0-1; Massari riceve 4 ball, Giordani e Pomponi battono 2 singoli in fila, ma Massari è eliminato a casa base dall’assistenza di Cowan.

Favore restituito nella seconda ripresa, con Diego Fabiani nel box (IBAF)l’eliminazione in terza di Lankhorst, dopo il singolo di Reitemeier, ad opera del trio Adorni-Gasparini-Pomponi.

Con uno fuori, nel terzo Gasparini va in base per ball, ruba la seconda e arriva in terza su lancio pazzo, seguito da Cestarelli, base e rubata anche per lui, quindi Massari batte valido al centro, per lo 0-2 segnato da Gasparini, poi, con una doppia rubata, Cestarelli incrementa il vantaggio; gli azzurri provano a replicare, ma stavolta il gioco non riesce e Massari è eliminato da Heimler a casa base.

Fabiani, molto efficace nelle prime 2 riprese, vive un momento di difficoltà al terzo, nel quale concede la base ad Amon, che avanza per errore di Friggeri sulla scelta difesa di Gasparini, lo stesso partente azzurro elimina poi Amon in terza sulla battuta di Koch, ma un lancio pazzo porta 2 corridori in zona-punto; arriva poi la base ball a Helget e il lancio pazzo che consente alla Germania il primo punto, mentre Koch, che forza la corsa, è eliminato a casa base proprio da Fabiani in copertura; la base a Cowan non costa nulla e la ripresa si chiude senza ulteriori danni, con 1 solo punto subito.

Reitemeier si concede il lusso di infilare 3 strikeout  consecutivi nel quarto, mentre Fabiani, dopo la base a Matzpreiksch, lascia il posto ad Alessandro Ciarla, con Cestarelli che si sposta in prima, Carciotto a ricevere e Tanara in seconda. Arrivano 2 eliminazioni in fila, ma il doppio di Amon porta i tedeschi a un solo punto, sul 2-3. Con prima e seconda occupate, Ciarla ne esce con uno strikeout cruciale ai danni di Sascha Koch.

L’attacco italiano si spegne contro i lanci di Reitemeier, sostituito da Cowan, che si presenta con una base e 2 strikeout durante il settimo, mentre i tedeschi trovano il pareggio nella stessa ripresa,  con la base per ball a Kaiserauer e il doppio di Koch che buca la difesa. Gamberini manda Cestarelli sul monte, Tanara in prima e Coveri entra in seconda; un balk costa agli azzurri il quarto punto tedesco e l’avanzata di Stutz in seconda. Arriva la base per Cowan, poi, su una battuta da doppio gioco su Gasparini, a Coveri non riesce il pivot e l’assistenza in prima è imprendibile per Tanara, mentre Stutz va a segnare comodamente il 5-3.

Gli azzurri non ci stanno e l’ottavo si trasforma in un big inning da 8 punti per le mazze italiane: un doppio di Adorni vale il pareggio segnato da Tanara (base) e Coveri (errore del seconda base), Gasparini picchia il triplo a destra del 5-6; base a Cestarelli, errore di Stutz su Massari e arriva il singolo di Giordani con 1 RBI. Cowan è sostituito da Ciftci, ma la musica non cambia: il doppio di Pomponi e il singolo di Tanara fissano il punteggio sull’11-5.

La Germania tocca 2 singoli nella parte bassa della ripresa, dopo la base a Lankhorst e la battuta in diamante di Koch a basi piene consente la segnatura di 1 punto, ma non di più.

I tedeschi cedono definitivamente al nono, di fronte a un nuovo attacco da 4 valide e 5 punti degli azzurri.

IL TABELLINO