Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

Mondiale 15U: l'Italia inizia la seconda fase cedendo ad Aruba

da Parral, Marco Landi

L’Italia 15U cede contro Aruba 9-8 nella prima partita della seconda fase al Mondiale di categoria in Messico, commettendo 7 errori difensivi e lasciando le basi cariche in un drammatico nono attacco.

Gli azzurri segnano il primo punto senza valide, approfittando di 2 errori della difesa avversaria nel primo inning che fanno arrivare Adorni in terza, con RBI di Cestarelli, ma il vantaggio dura ben poco: un errore di Cosoli e 2 lanci pazzi di Friggeri preparano il terreno al primo punto, battuto a casa dal singolo di Dijendrick Croes, seguito dalla volata di Ismail e dal nuovo singolo di Marchena, per il 3-1.

Ancora 2 errori della difesa italiana costano il 4-1 nella seconda ripresa e potrebbe andare peggio senza il Carlo Tanara (Oldmanagency)provvidenziale pick-off in prima di Friggeri ai danni di Pelayo.

Marinig apre il terzo con un singolo, Friggeri riceve 4 ball e, dopo un lancio pazzo di Quant, il singolo a sinistra di Adorni fa entrare il primo punto, mentre il secondo arriva sulla battuta in doppio gioco di Gasparini.

Gamberini a questo punto ridisegna la squadra: l’ingresso sul monte di Burato è accompagnato da quelli di Tanara in seconda e Carciotto dietro il piatto, con spostamento di Cestarelli in terza. Il risultato è 3 su, 3 giù, ma un nuovo errore, questa volta dello stesso Burato, seguito dal triplo di un Dijendrick Croes (4/5 alla fine) scatenato porta Aruba avanti 5-3 a fine quarto.

L’Italia esce bene da un sesto con un errore commesso e 2 singoli subiti, grazie a un colto rubando di Carciotto e un ingresso positivo di Ciarla sul monte.

Un errore del terza base caraibico e la valida di Adorni consentono a Gasparini di battere a casa il quarto punto azzurro nel settimo, ma Aruba va in fuga nella parte bassa della stessa ripresa, con un doppio di Werleman che batte a casa Donker (singolo), un singolo interno di Pelayo che fa segnare Lake (base ball) e lo stesso Werleman a pestare il piatto per l’8-4 per l’errore di Gasparini.

Gli azzurri ristabiliscono le distanze segnando 3 punti a loro volta nell’ottavo: 2 colpiti e il doppio di Giordani riempiono le basi e costringono Karel a un doppio cambio sul monte, ma su Donker, appena entrato, arriva a vuotare i sacchetti il triplo di Carlo Tanara.

Allunga Aruba con 1 punto al nono su singolo di Lake e si arriva all’ultimo assalto azzurro: Adorni ottiene la base e i caraibici cambiano assetto, mandando Halley sul monte, ma arrivano un errore, la base a Gasparini e un lancio pazzo che fa segnare il 9-8; Cestarelli è colpito e così Pomponi, ma ci sono in mezzo 2 eliminazioni e la palla in diamante di Tanara che fa eliminare Pomponi mette fine alla rimonta e alla partita.

 

IL TABELLINO