Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

Mondiale 15U: l'Italia batte la Lituania 17-7

di Marco Landi

La prova di Michele Pomponi decisamente non parte con il piede giusto: 2 basi per ball e un errore di Cosoli in terza fanno riempire i sacchetti ai lituani, che trovano nel doppio di Neverauskait le prime 2 segnature della gara; arriva subito il secondo out, ma è seguito da una nuova base e dal singolo di Aukstuolis per lo 0-3.

Un triplo di Pietro Adorni, poi spinto a casa dalla battuta in diamante di Marten Gasperini, è il primo segnale Giorgio Massari in azione contro la Lituania (Ibaf)immediato di reazione dell’Italia, che subisce però ancora 3 segnature nel secondo, aperto dalla base per ball a Plianjnkas che fa decidere Gamberini per la sostituzione del suo partente con Fabio Burato; arrivano però due doppi e un singolo per l’1-6.

Ma il secondo attacco azzurro dà luogo al big inning che segna la gara e lancia un bel segnale in merito al carattere della squadra italiana: Giordani piazza un triplo in apertura e subito segna sull’out di Pomponi, quindi Losoli è salvo su errore, Carciotto ottiene 4 palle e Matteo Friggeri picchia il doppio del 2-6; il singolo interno di Gasperini riempie i sacchetti e Sergio Cestarelli fa entrare altri 2 punti con un singolo; un lancio pazzo e singoli di Giordani e Burato portano gli azzurri avanti 7-6. 

I lituani non riusciranno più a recuperare, anche perché al terzo arriva il doppio di Cestarelli che fa segnare Carciotto (singolo) e Friggeri (base ball); la reazione è un solo punto al quarto, grazie a 2 singoli e 1 errore difensivo, mentre l’Italia, con 3 punti al quinto (triplo di Gasperini) e 4 al sesto, fissano il 7-17 che è il finale della gara vinta da Burato e chiusa sul monte da Daniele Coveri.

IL TABELLINO