Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

Nella stagione 2012 vedremo Liddi anche in prima base?

di Riccardo Schiroli

E' iniziata negli Stati Uniti la stagione di Alex Liddi. Una stagione nella quale, stando al Prospect Hand Book della rivista 'Baseball America', il 23enne prospetto italiano "Potrebbe conquistare il posto di terza base titolare ai danni di Kyle Seager e Chone Figgins" ma dovrebbe garantire almeno "Una mazza di potenza da chiamare dalla panchina".

Alex Liddi in maglia azzurra (Ratti/Fibs)Per Liddi ci sono insomma buone possibilità di iniziare la stagione sulla rosa dei 25 dei Seattle Mariners.
Un altro indizio in questo senso lo rappresenta la decisione del manager Eric Wedge di provare Liddi anche come prima base (nella foto di copertina, Liddi già al lavoro nel ruolo).
"Sì, lo faremo rimbalzare dalla prima alla terza base" spiega Wedge al blogger del 'Seattle Times' Geoff Baker "Sta lavorando per passare dalle Minors alla prima squadra e non possiamo ovviamente sapere come giocherà questa primavera. Voglio che giocare in prima rappresenti un'altra opzione per lui".

Stando a Baker, al posto di terza base dei Mariners concorrono anche Chone Figgins, Kyle Seager e Carlos Guillen. Ma rispetto alla scorsa stagione, i Mariners hanno acquistato il giovane (classe 1990) venezuelano Francisco Martinez, che nell'idea dell'organizzazione è destinato ad essere il titolare in Triplo A.
Martinez è, secondo il Prospect Hand Book, il numero 6 della lista dei più promettenti dell'organizzazione. Il giudizio è lusinghiero: "Ha tutto per essere un terza base titolare". Ma si parla di raw tools, ovverto di talento grezzo.

Insomma, in terza c'è molta concorrenza, sia nel presente che nel futuro dei Mariners.
"Se Liddi mostra versatilità" aggiunge Wedge "Può aiutare sia sè stesso che l'organizzazione. E' grande e grosso, destro e oltretutto in quel ruolo ha già giocato nella nazionale italiana".

Sempre stando a 'Baseball America', Liddi è sceso dal numero 13 al 14 della lista dei prospetti dell'organizzazione. Il Prospect Hand Book focalizza le sue critiche sugli strike out subiti dall'Italiano (187) e su movimenti in campo interno non particolarmente fluidi. Ma Liddi è anche definito il battitore con più potenza di tutto il Farm System dei Mariners.

Sul blog dedicato al baseball dal 'Seattle Times' la discussione sul futuro di Liddi per altro è vivace

VAI AI COMMENTI (In Inglese)     INTERVISTA VIDEO AD ALEX LIDDI (dicembre 2011)