Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

La MLB ha illustrato il World Baseball Classic 2013 ai delegati del Congresso IBAF

da Dallas, Riccardo Schiroli

Si giocherà con il sistema della double elimination la fase di qualificazione al World Baseball Classic. Le 16 partecipanti alla fase, che si svolgerà nell'autunno del 2012, saranno suddivise in 4 gironi e ognuno qualificheràL'ingresso della sala che ha ospitato la presentazione del Classic a Dallas una squadra per il tabellone principale.
La terza edizione del World Baseball Classic, la prima che assegnerà il titolo di Campione del Mondo, si giocherà nel marzo del 2013.

Le squadre partecipanti sono: Brasile, Canada, Colombia, Filippine, Francia, Gran Bretagna, Germania, Israele, Nicaragua, Nuova Zelanda, Panama, Repubblica Ceca, Spagna, Sud Africa, Tailandia, Taiwan.

A gennaio il Comitato Organizzatore del World Baseball Classic (WBCI) comunicherà le sedi dei 4 gironi.

L'aggiornamento sulle novità della prossima edizione del torneo è stato presentato ai delegati del Congresso IBAF dal Vice Presidente International Business Operations della MLB Paul Archey.
"Sarà una serata informale" aveva sorriso Archey, che però ha tenuto a sottolineare i grandi risultati ottenuti dalle prime 2 edizioni del Classic. Per citarne uno, i ben 13 milioni di dollari che la MLB ha distribuito alla IBAF e alle Federazioni nazionali.

Archey ha parlato anche della necessità di rendere il torneo più breve: "Lo scopo finale è sempre mettere in mostra i migliori giocatori e dobbiamo facilitare la loro partecipazione".
Il Vice Presidente MLB ha spiegato che lo scopo finale è comunque avere un Classic non più limitato come partecipazione, ma di avere una fase di qualificazione aperta a tutti.

In ottima forma, Paul Archey non è parso a suo agio solo in un'occasione: quando dal fondo della sala un delegato gli ha fatto notare: "I colori della presentazione sono bianco, rosso e blu nella speranza che questo aiuti gli Stati Uniti a vincere la terza edizione?"