Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

ALLENAMENTI MAREMMANI PER IL RICEVITORE DEGLI YANKEES FRANCISCO CERVELLI

Cliente d'eccezione, sabato mattina, alla palestra Ymca di Grosseto, sotto le tribune dello stadio "Roberto Jannella". Il "Profe" Gianni Natale, preparatore atletico della nazionale seniores guidata dal Ct Mazzieri, ha seguito l'allenamento di Francisco Cervelli, ricevitore dei New York Yankees (quest'anno ha disputato ben 93 partite, con 271 di media e 38 pbc), la più famosa e vincente squadra di baseball al mondo, con 27 titoli. Il venticinquenne italo-venezuelano, che ha indossato la casacca azzurra nel 2009 al World Baseball Classic a Toronto, è ospite da qualche giorno di Marco Mazzieri e dopo aver visitato la Maremma ha pensato bene di proseguire la preparazione.

Cervelli, durante la mattinata, ha ricevuto anche la gradita visita del vicesindaco e assessore allo sport del Comune di Grosseto Paolo Borghi. Lunedì sera Cervelli partirà alla volta di Torino, per realizzare un sogno, incontrare Alex Del Piero. L'incontro tra i due campioni avverrà martedì mattina al termine dell'allenamento della Juventus. "In Venezuela - dice Francisco - Del Piero è uno dei grandi idoli. Ha preso il posto di Roberto Baggio". Dal Piemonte, poi, il catcher degli Yankees volerà insieme al padre a Bari, che dopo quarant'anni ritroverà i parenti di Bitonto. Una rimpatriata, insomma, che si chiuderà giovedì con una giornata al Centro Coni di Tirrenia insieme a Mazzieri. "Poi - sottolinea - partirò per la Repubblica Dominicana, per proseguire la preparazione fisica. Voglio farmi trovare pronto per l'inizio dello spring training". Anche perché con il rientro di Jorge Posada dietro al piatto di casa base dovrà essere al top per avere un posto nella formazione titolare.