Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

IL CONSIGLIO FEDERALE VARA LA NUOVA STRUTTURA DELL'ATTIVITA' PER CLUB

da Tirrenia, Fabio Ferrini                    

Nella seduta di domenica mattina, il Consiglio Federale ha discusso e ratificato alcune decisioni importanti concentrando la sua attenzione sull'attività agonistica sia baseball che softball.
In apertura al dibattito sulla riforma dei campionati di baseball e parlando del nuovo progetto franchigie il presidente federale Fraccari ha spiegato: "E' necessario che la Federazione si sfili sempre più dalla IBL lasciando che il lato commerciale sia gestito da chi partecipa a questo campionato. Nel contempo dobbiamo però pensare a non sciupare il patrimonio dei giocatori italiani che abbiamo e a costruirne di nuovi come alternativa agli stranieri".

Un momento della seduta del 15 novembre 2009Stabilito il modello generale di franchigia con tutti i requisiti da rispettare, sia a livello strutturale, sia impiantistico, per partecipare alla Italian Baseball League 2010, il cui opening-day sarà il 1 aprile, il parlamentino della FIBS ha preso una serie di decisione a livello tecnico. Per quanto riguarda la IBL First Division le più importanti sono state l'aumento da 5 a 6 del numero minimo di Atleti di Scuola Italiana in campo, la riduzione a 3 visti lavoro-sport per i giocatori extra-comunitari e, fissata gara-1 come quella dei lanciatori stranieri, la possibilità per ogni squadra di scegliere a quali pitcher affidare le altre due partite, riservandone comunque una ai soli lanciatori ASI. Previste due sospensioni del campionato: una in giugno per la qualificazione della European Cup, l'altra in luglio, al termine della regular season, per il Campionato Europeo di Stoccarda preceduto dall'Italian Baseball Week.

La Second Division, che correrà parallela alla First Division ma a campi invertiti, disputerà due gare settimanali, sabato pomeriggio e sera, con l'obbligo di schierare almeno 3 atleti Under 21 e 7 giocatori ASI. Anche per le squadre della IBL2D ci sarà la possibilità di tesserare, con visto lavoro-sport, un atleta extra-comunitario. Una partita sarà riservata esclusivamente a lanciatori di Scuola Italiana. Dopo i playoff a eliminazione diretta che vedranno coinvolte tutte e 8 le squadre, le quattro qualificate si giocheranno la vittoria nella Final Four in programma il 7 e 8 agosto, lasciando così la possibilità a tutti i giocatori della franchigia di essere disponibili per la post-season della IBL1D.

La serie A Federale, ipotizzata con due gironi da 8 e su due partite settimanali al sabato, presenterà in campo obbligatoriamente 6 atleti ASI, 7 dal 2011, riservando un incontro a lanciatori ASI. Le squadre avranno a disposizione un visto lavoro-sport. Nel caso in cui una società non disponesse di campo illuminato è prevista una tassa d'iscrizione più alta quale fondo di solidarietà per le maggiori spese sostenute dalle altre. Previsto, alla fine dell'andata, un intergirone parziale che vedrà opposte le prime quattro di un gruppo alle ultime quattro dell'altro per un totale di 18 giornate di regular season a cui seguiranno i playoff.

La serie B Federale e la serie C Federale (unificata dal 2010) ricalcheranno, a grandi linee, le normative rispettivamente di B e C1 2009.

In materia di attività giovanile, confermate e rafforzate le obbligatorietà per le varie categorie e programmata la definitiva abolizione dei patti in deroga dal 2011, il Consiglio Federale ha confermato le diverse categorie in vigore e le rispettive normative tecniche e regolamentari, rinviando alla prossima seduta del 7 dicembre, l'analisi e la deliberazione generale per la prossima stagione.

Per l'Italian Softball League, confermato un campionato a 10 squadre dal prossimo anno e l'obbligo di schierare in campo almeno 6 giocatrici ASI, si è optato per la concessione di 3 visti lavoro-sport, di cui uno per il taglio, ed è stato portato a tre il numero minimo di attività giovanili obbligatorie. Uno sguardo anche al 2011 quando dovranno essere 7 le atlete ASI schierate con l'obbligo dell'interbase di Scuola Italiana.

La due giorni di lavoro del parlamentino FIBS si è conclusa con il rinvio di alcuni argomenti importanti alla seduta di inizio dicembre dove verranno definiti anche alcuni dettagli dell'attività agonistica, sentiti i pareri delle società sportive. 

IL PROGRAMMA DELL'ATTIVITA' SENIORES PER CLUB