Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

IL MESSAGGIO DI AUGURI DEL PRESIDENTE F.I.B.S. RICCARDO FRACCARI

Cari amici,

la fine del 2008 è ormai prossima e questa fine d'anno ha un significato particolare, poiché coincide con il termine di un quadriennio di lavoro e con grandi sfide all'orizzonte per i nostri sport.

Durante il Galà dei Diamanti, attraverso i contributi video ed i vari interventi, sono stati velocemente ripercorsi questi ultimi quattro anni, evidenziandone a grosse linee i momenti più significativi. Non voglio qui adesso ripetere le cose che sono state realizzate - ne abbiamo già discusso durante l'assemblea elettiva - credo però che sia importante chiarire bene e puntualizzare da dove partiamo per poter programmare i prossimi obiettivi: dobbiamo insomma avere presente l'esistente.

Al di là delle premiazioni delle società che hanno vinto i vari campionati, ciò che ha più colpito, non solo me stesso ma tutti i partecipanti presenti all'Auditorium di Riccione, è stato il grande numero di giovani atleti ed atlete che sono sfilati su quel palco, frutto dell'imponente lavoro svolto in questi ultimi anni sull'attività di base sia attraverso il Progetto Quantità, che ha messo in campo risorse consistenti, sia dalla recente collaborazione con la Little League. È doveroso ricordare, a questo proposito, e sottolineare il prestigioso risultato ottenuto quest'anno dalla Squadra Ragazze Softball della Regione Lombardia e dalla Squadra Ragazzi Baseball della regione Emilia-Romagna che, vincendo le fasi europee, hanno rappresentato non solo l'Italia, ma l'Europa nel Campionato Mondiale Little League in USA.

Certamente tutto si può migliorare e perfezionare, anzi dobbiamo farlo, ma oggi partiamo da dei dati di fatto concreti: campionati giovanili regionali più strutturati e tecnicamente validi, l'esistenza di campionati giovanili nazionali per coloro che desiderano e hanno le potenzialità per svolgere un'attività giovanile più intensa ed agonisticamente più impegnativa, il grande movimento generato dal progetto Verde Azzurro per il baseball e Verde Rosa per il softball, l'Accademia Italiana del Baseball e del Softball, i rapporti con la Major League Baseball, l'Accademia Europea della MLB in Italia e l'accordo siglato con la ISF per l'apertura, sempre nel nostro Paese, dell'Accademia Europea di Softball, la definizione della scuola italiana, l'aumentata visibilità dei nostri sport attraverso i vari mezzi di informazione, inclusa la Rai, il lavoro prezioso del settore marketing e comunicazione.

Da qui dobbiamo partire, consapevoli che proprio questo incremento del settore giovanile è la base per il nostro sviluppo, per il nostro futuro, e su questa linea il Consiglio Federale andrà avanti, con impegno, in questi prossimi quattro anni, ovviamente compatibilmente con le risorse disponibili, attraverso la nascita del Club Italia e delle Accademie Regionali: la tutela dei vivai giovanili ha per noi indiscutibilmente una rilevanza prioritaria e, proprio per questo, siamo anche concretamente consapevoli che dobbiamo trovare le risorse disponibili, senza perdere alcuna occasione.

Ma ancora una volta questa scelta non deve essere imposta, ma condivisa, nei fatti, concretamente, anche dalle Società.

Il 2009 sarà un anno impegnativo e faticoso, ma anche determinante, per il futuro del nostro movimento, ed i prossimi anni saranno certamente, come li ho definiti, gli anni della svolta.

Come non aver presente la sfida delle Franchigie e della nascita di una IBL, con il coinvolgimento della MLB, accanto ad un Campionato Federale; come non tener conto del grande impegno che attende nel prossimo anno le Squadre Nazionali di Baseball e di Softball, sia seniores che giovanili: la partecipazione alla seconda edizione del World Baseball Classic - la cui preparazione è già iniziata e che vedrà un consistente numero di atleti allenarsi in Florida già dal mese di febbraio -, la Italian Baseball Week e le sfide Italia-Olanda che precederanno il Campionato Mondiale di Baseball, le cui fasi salienti si svolgeranno in settembre nel nostro Paese coinvolgendo numerose città italiane, le Nazionali di Baseball Cadetti e Juniores che disputeranno i rispettivi Campionati Europei, la Nazionale Seniores e la Nazionale Cadette di Softball, anch'esse impegnate nei rispettivi campionati continentali, e la 'sperimentale' Under 16 di Softball che parteciperà al Campionato Mondiale che si disputerà a Praga; tutto questo senza dimenticare gli ormai consolidati Trofeo delle Regioni e MondialHit.

Insomma un'attività enorme e progetti ambiziosi che avranno un impatto fortissimo su tutto il nostro movimento e sfide impegnative, obiettivi importanti, che esprimono e richiedono voglia e desiderio di andare avanti e di crescere: questo è l'animo con cui dobbiamo affrontare il nuovo anno e che ci deve vedere tutti coinvolti e partecipi.

Le Federazioni hanno assunto un aspetto privatistico più marcato, e tutto ciò ci spinge alla ricerca di risorse esterne in aggiunta ai contributi ordinari del CONI, sempre minori, mentre la situazione economica del Paese in questo momento non favorisce certamente la reperibilità di aiuti economici sul territorio e di sponsor per lo sport in generale, e in particolare per i nostri; le Società sono costrette a dibattersi in difficoltà economiche sempre più pesanti, per cui manifestazioni come quelle citate, che ci daranno un ritorno non solo di immagine ma anche economico, vanno sapute utilizzare al meglio, evitando atteggiamenti demagogici, sterili e lontani dalla concreta realtà delle cose, che non portano assolutamente niente, soprattutto in termini di risorse, al nostro movimento.

Dobbiamo essere una squadra e operare come squadra per poter vincere: ancora una volta CONDIVISIONE e PARTECIPAZIONE sono determinanti per la riuscita dei nostri progetti. Tutti saremo coinvolti: Atleti, Tecnici, Ufficiali di gara e Dirigenti e tutti saremo responsabili del successo o dell'insuccesso.

Mi sento oggi però in grado di lanciare un segnale di speranza perché il nostro movimento è realmente vivo ed in crescita. È con questo sentimento che formulo a tutti voi, alle vostre famiglie e alle persone a voi care un caloroso augurio per un sereno Natale e per un 2009 di pace, salute, ricco di gioia e foriero di tanti successi.

Roma, 23 Dicembre 2009

Riccardo Fraccari
Presidente FIBS