Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

PARLANO I NUOVI COACH AZZURRI PER IL WORLD BASEBALL CLASSIC 2009

Di Riccardo Schiroli

E' lontano il 1° luglio 2007 per Mike Hargrove. Quel giorno l'allora manager dei Mariners di Seattle annunciò il suo ritiro con questa semplice dichiarazione alla stampa: "Sento che la mia passione sta iniziando a sfumare".
Quando gli ricordiamo quella dichiarazione, Hargrove sorride: "Credo che quelle mie parole siano state interpretate male. Io la passione non l'ho mai persa. Mi riferivo in effetti alla difficoltà di gestire il lavoro su base quotidiana. Comunque, stando fuori dal campo ci ho messo poco a capire che avevo ancora qualcosa da dare".
Da dare all'Italia, in questo caso: "Esatto. Aiutare l'idea di aiutare la nazionale italiana è qualcosa che ha subito risvegliato la mia passione per il gioco".

Come nasce il suo contatto con il baseball italiano? "Quando ero manager degli Orioles, Marco Mazzieri è stato mio ospite per 3 anni al mio Spring Training e in quelle stagioni tra me e lui è nato un rapporto speciale. Lo stimo moltissimo come persona e ho un'alta opinione di lui come uomo di campo".
Quindi Mazzieri le ha chiesto di far parte del suo staff: "Sì, alla fine dell'estate scorsa mi ha detto che era stato nominato manager della nazionale maggiore. Parlando del World Baseball Classic, mi ha spiegato che avrebbe voluto me come Bench Coach, se lui fosse stato approvato dalla Major League come manager".
Ha avuto dubbi, quando si è trattato di accettare? "Assolutamente no. In primo luogo, perché vestire la maglia dell'Italia è un grande onore. E poi perchè il Classic è una grande manifestazione, destinata a fare molto bene al baseball a livello internazionale".
Appuntamento per lo Spring Training, quindi: "Non vedo l'ora. Ripeto, è un grande onore per me".

Mike Piazza in maglia azzurra (Ratti/FIBS)In una pausa dei suoi vari impegni come neo imprenditore, dalla Florida anche Mike Piazza ha voluto commentare con entusiasmo il suo inserimento nello staff tecnico azzurro.
"Sono molto felice. Come sapete, mi sono ritirato dal baseball giocato alla fine della ‘regular season' 2007 e mi sono preso una bella pausa. A luglio ho anche passato un periodo di vacanza in Italia, esattamente a Capri. Adesso per me è il momento ideale per assumermi un impegno del genere. Sono a disposizione del manager Marco Mazzieri, che mi potrà utilizzare come meglio crede quando si tratterà di lavorare con i battitori e i catcher".

Arriva via email, invece, il saluto all'Italia di Thomas Trebelhorn.Tom Trebelhorn (portlandtribune.com)
"Sono lusingato ed eccitato" scrive il nuovo coach di terza base azzurro per il World Baseball Classic "per essere stato scelto come coach della nazionale italiana al World Baseball Classic 2009. Sono onorato di essere stato chiamato e anche i San Francisco Giants vedono la richiesta come un'esperienza molto positiva. Dell'esperienza con la nazionale italiana potranno sicuramente beneficiare anche i giocatori dell'organizzazione dei Giants".
"Ho lavorato con Marco Mazzieri negli Stati Uniti" prosegue Treblhorn "e ho potuto notare la sua passione ed il suo desiderio di far diventare il baseball in Italia sport nazionale. Lo ringrazio per questa opportunità e prometto grande lavoro, grande energia e mi preparo con la massima fiducia a rappresentare l'Italia al World Baseball Classic".