Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

TUTTO FACILE PER L'ITALIA CON LA RUSSIA

Da Edmonton Riccardo Schiroli

Tommaso Cherubini in pedana contro la RussiaSorretta da un Tommaso Cherubini impeccabile in pedana di lancio (5 strike out e 4 valide, tutti singoli, e 1 base in 7 riprese), l'Italia ha dominato (13-0 in 7 riprese) la prima delle partite con in palio i posti dal nono al dodicesimo posto del 23esimo Mondiale Juniores di baseball.

La Russia aveva iniziato battendo valido con il suo 'lead off', l'esterno sinistro Kozin, che però è stato il primo out in seconda, colto rubando dall'assistenza di Reginato. L'eliminazione di Kozin è stato il momento in cui la Russia si è più avvicinata alla seconda base, prima di raggiungerla al settimo a gara già ampiamente decisa. L'ultima ripresa della partita è stata anche l'unica situazione in cui 2 corridori russi (l'interbase Bakalet per valida e il lanciatore di rilievo Sazhaev per ball) sono arrivati in base consecutivamente. Per il resto è stato un monologo di Cherubini. Il 'figlio d'arte' riminese è stato continuo nell'area dello strike e ha tenuto la palla bassa. Per i battitori della Russia c'è stata davvero poca gloria.

Anche in attacco gli azzurrini hanno incanalato la partita sui binari giusti fin da subito. Caradonna ha aperto con un 'bunt' valido ed è arrivato in seconda sull'errore di tiro del terza base. Il successivo singolo a destra di Castagnini lo ha spinto a casa e lo stesso seconda base italiano ha segnato su palla mancata e la successiva valida di Pesci.
Il partente russo Vorotyntsev ha cercato di mischiare le carte, ottenendo anche un certo successo (4 strike out)Mattia Reginato ha ottenuto 2 valide contro la Russia con la curva. Al terzo però l'Italia ha dato la svolta definitiva alla partita con 3 punti. I primi 2 li ha spinti a casa un singolo di Giannetti (hanno segnato Castagnini e Reginato); sulla valida di Fornasari ha segnato anche il 'designato' azzurro.

Al sesto le proporzioni del vantaggio azzurro sono diventate sufficienti per chiudere la gara prima del limite. Di fronte a Vorotyntsev e al suo rilievo Sazhaev sono sfilati 11 battitori, che hanno ottenuto un totale di 6 valide e ricevuto 2 basi ball. Il resto lo ha fatto la fallosa difesa russa (che chiuderà con 7 errori) e alla fine del turno di battuta hanno toccato casa base 6 azzurri.

LA SCHEDA DELLA PARTITA

L'Italia gioca l'ultima partita del suo Mondiale sabato 2 agosto alle 11 (le 19 in Italia) a "Telus Field". Contro l'Olanda, che ha battuto 8-2 la Repubblica Ceca, c'è in palio il nono posto.